Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1240 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Rinunzia a una garanzia verso corrispettivo

Dispositivo dell'art. 1240 Codice civile

Il creditore che ha rinunziato, verso corrispettivo, alla garanzia prestata da un terzo deve imputare al debito principale quanto ha ricevuto, a beneficio del debitore e di coloro che hanno prestato garanzia per l'adempimento dell'obbligazione (1).

Note

(1) Il garante, a sua volta, diviene creditore degli altri garanti se le parti non hanno diversamente stabilito.

Ratio Legis

La norma è una specificazione del principio dell'indebito arricchimento (2033 c.c.): se il creditore non imputasse quanto ricevuto alla prestazione dovuta, otterrebbe più di ciò che gli spetta.

Spiegazione dell'art. 1240 Codice civile

Imputazione di quanto paga il garante per essere liberato. Ragione della norma e della sua collocazione.

Questo articolo riproduce, con formula più ampia, l'art. #1284# del codice abrogato, ove si ipotizzava il caso del creditore che avesse ricevuto un qualsiasi corrispettivo dal fideiussore «per liberarlo dalla cauzione»: e gli imponeva di «imputarlo al debito» e di portarlo «a scarico » del debitore principale e degli altri fideiussori.

La norma è di una logica indiscutibile. Fino alla misura in cui la liberazione del garante trova riscontro in un prezzo riscosso dal creditore non si è in tema di remissione ma di realizzazione indiretta e parziale del credito. Perciò quel surrogato del pagamento deve andare a corrispondente liberazione dei coobbligati, perché il creditore non può riscuotere, in complesso e per il titolo sostanzialmente identico, più di quanto gli spetta, arricchendosi a danno dell'uno o dell'altro. Per tutto quanto, invece, eccede la misura del ricevuto corrispettivo, la relativa rinunzia a vantaggio dello stesso garante rientra nel concetto e nell'ambito della rimessione: e si applicano quindi le presunzioni legali stabilite dagli articoli 1238 e 1239, 2° comma. Solo per tale ultimo aspetto, anzi, la norma trova posto in questa sezione, giacché altrimenti essa dovrebbe porsi nel capo della fideiussione.

Il nuovo codice ha, poi, logicamente esteso la disposizione ad ogni specie di garante, poiché anche chi ha prestato una garanzia reale più limitata (pegno, ipoteca) si trova in condizione, e può trovarsi nella identica necessità, di pagare un prezzo per liberare i beni assoggettati alla garanzia.

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Rimetti a noi i nostri debiti. Forme della remissione del debito dall'antichitā all'esperienza europea

    Editore: Il Mulino
    Collana: Percorsi
    Pagine: 358
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 27,00 -5% 25,65 €

    Vuoi per cinico calcolo "affaristico", vuoi per "humanitas", vuoi per valutazioni di ordine pubblico, creditori e governi hanno spesso battuto strade alternative per fronteggiare l'insolvenza, alternative alla messa a morte del "perfido debitore", al carcere e ad altre pene infamanti: le strade del buonismo e del perdonismo, costellate di dilazioni, moratorie, sconti, benefici vari. E anche cancellazioni. Oggi il consumatore "dalla vita a rate", dai pagamenti virtuali con carta di credito... (continua)