Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 9 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Tutela dello pseudonimo

Dispositivo dell'art. 9 Codice Civile

Lo pseudonimo, usato da una persona in modo che abbia acquistato l'importanza del nome, può essere tutelato ai sensi dell'articolo 7(1).

Note

(1) Cfr. artt. 8, 21 e 82 L. 22 aprile 1941, n. 633 (Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio) nonché il D. Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), ora sostituito dalla legge 163/2017 (v. GDPR - regolamento UE 679/2016).

Ratio Legis

La norma esprime l'intenzione del legislatore di estendere la tutela de qua anche ai segni distintivi diversi dal nome, quali lo pseudonimo, il nome d'arte, la sigla o il segno convenzionale, purché siano conosciuti ("abbiano l'importanza") come il nome ed assolvano la funzione di identificazione tra i consociati.

Spiegazione dell'art. 9 Codice Civile

Lo pseudonimo è un nome diverso da quello attribuito per legge; può però essere tutelato alla pari del diritto al nome purché abbia acquistato l'importanza del nome stesso, od assolva alla stessa funzione di identificazione sociale
Qualora vi sia un tale presupposto (si pensi agli pseudonimi degli scrittori, o degli attori che ricorrano a nomi d'arte pressoché più noti del nome proprio) il soggetto che lo usi potrà far valere l'azione inibitoria contro l'uso indebito, chiedendo al giudice la cessazione dell'utilizzo illegittimo dello pseudonimo, sempre salvo il risarcimento dei danni (v. 7).

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 9 Codice Civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Cesare B. U. chiede
venerdì 12/04/2019 - Marche
“L'uso del soprannome, reso inutile dal codice civile napoleonico (1804), è continuato in molti atti ufficiali, Tanto da essere ancora obbligatorio per la compilazione del casellario giudiziale secpndo il R. D. n. 1178 del 14 ottobre 1913.
Quando e con che legge se ne è dismesso l'uso?”
Consulenza legale i 19/04/2019

Il Regio Decreto, 14 Ottobre 1913, n. 1178 così come il Regio Decreto, 18 Giugno 1931, n. 778 sono stati abrogati dagli artt. 52 ss. del D.P.R., 14/11/2002, n° 313, denominato “Testo unico sul casellario giudiziale”, il quale ha sostituito i dati “ cognome, nome e soprannome, paternità, maternità, luogo e data di nascita della persona designata” (artt. 15 e 24 rispettivamente dei due decreti sopracitati) con l'indicazione di “nome completo (cognome, nome, eventuale secondo cognome, eventuale secondo nome), data di nascita, luogo di nascita, composto di città e Stato, sesso, cittadinanza ed eventuali nomi precedenti” (art. 4 Testo Unico).
Ad ogni modo, si precisa che il cosiddetto soprannome o pseudonimo trova nell'ordinamento italiano adeguata tutela al pari del nome, così come sancito dall' art. 9 del c.c.. Semplicemente lo stesso riveste rilevanza giuridica in caso di sua violazione (usurpazione del nome, per esempio) qualora venga utilizzato da una persona in modo che abbia acquistato la stessa importanza del nome.
Pertanto, qualora il soprannome abbia tale rilevanza può essere ancora inserito nei certificati del casellario in quanto elemento identificativo del soggetto.


Testi per approfondire questo articolo

  • Le persone fisiche

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: aprile 2016
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Con l'espressione "persone fisiche" si indicano, nel linguaggio giuridico italiano, gli esseri umani. Nel nostro ordinamento, qualunque persona fisica acquista, al momento della nascita, la capacità giuridica (art. 1 c.c.): con "capacità giuridica" si intende l'attitudine a essere titolari di diritti e doveri. Gli enti che hanno capacità giuridica sono qualificati come soggetti di diritto, o soggetti giuridici (sono soggetti di diritto coloro che possono essere titolari... (continua)