Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 319 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n.1443)

Costituzione delle parti

Dispositivo dell'art. 319 Codice di procedura civile

Le parti si costituiscono depositando in cancelleria la citazione o il processo verbale di cui all'articolo 316 con la relazione della notificazione e, quando occorre, la procura (1), oppure presentando tali documenti al giudice in udienza (2).
Le parti, che non hanno precedentemente dichiarato la residenza o eletto domicilio nel comune in cui ha sede l'ufficio del giudice di pace, debbono farlo con dichiarazione ricevuta nel processo verbale al momento della costituzione (3).

Note

(1) La citazione depositata in cancelleria contestualmente all'iscrizione a ruolo non è nulla per carenza di procura, se quest'ultima viene depositata nella prima udienza di trattazione. Ciò in quanto nei giudizi davanti al giudice di pace l'iscrizione della causa a ruolo può non coincidere con la costituzione, che può essere formalizzata direttamente in prima udienza.
(2) L'articolo in commento riproduce il testo del previgente art. 314.
Entrambe le parti possono costituirsi in cancelleria o direttamente in udienza. Da ciò discende che il convenuto sarà dispensato dall'onere di depositare la comparsa di risposta (art. 166 del c.p.c.), potendosi limitare a depositare la copia notificata della citazione e svolgere oralmente le proprie difese (lo sbarramento per le domande riconvenzionali, le eccezioni in senso stretto e la chiamata di terzo, quindi, è dato dalla prima - e tendenzialmente unica - udienza, diversamente da questo sancito dall'art. 167 del c.p.c.).
Nell'ipotesi di contumacia dell'attore o di chiamata in causa di terzi, il verbale nel quale si riporta la proposizione della domanda riconvenzionale o della chiamata dovrà essere notificato ai soggetti destinatari di tali atti (l'attore o il terzo).
(3) Ai sensi dell'art. 58 disp. att, in caso di mancata dichiarazione di residenza o elezione di domicilio, le notificazioni e le comunicazioni possono essere fatte presso la cancelleria del giudice di pace. Ciò, però non vale se la parte è rappresentata da un difensore: in tal caso, infatti, se questi esercita la propria attività professionale all'interno della circoscrizione di cui fa parte in giudice adito, le notifiche vanno effettuate presso il domicilio dichiarato nell'albo professionale; se invece, l'avvocato appartiene a circoscrizione diversa, sarà tenuto ad eleggere domicilio, altrimenti si considera domiciliato presso la cancelleria.
Vi è un'eccezione a quanto disposto dall'art. 58 disp. att.: la notificazione dell'impugnazione, ex art. 330, ultimo comma, c.p.c., va effettuata personalmente alla parte.

Ratio Legis

La norma disciplina la costituzione delle parti dinnanzi al giudice di pace, diversa rispetto a quella ordinaria di cui agli artt. 165 e 166]. La ratio della differenziazione sta nell'intenzione del legislatore di costruire il giudizio davanti al magistrato onorario come più semplice e rapido, perché concernente controversi di minore importanza. A tale fine, non è stata prevista l'applicabilità del regime di preclusioni e decadenze previste in tema di costituzione delle parti nel processo di cognizione innanzi al tribunale.

Massime relative all'art. 319 Codice di procedura civile

Cass. n. 25727/2008

A differenza di quanto avviene per i giudizi dinanzi al tribunale, per i quali la parte che iscrive la causa a ruolo deve contestualmente costituirsi, nei giudizi dinanzi al giudice di pace, caratterizzati da semplificazione di forme, gli artt. 316, 319 c.p.c. e 56 disp. att. c.p.c. delineano un sistema in cui la costituzione in giudizio dell'attore può anche non coincidere con l'iscrizione della causa a ruolo ed essere, invece, formalizzata nella prima udienza di trattazione. Pertanto, il deposito del fascicolo di parte, con l'atto di citazione e gli altri documenti, effettuato in cancelleria contestualmente all'iscrizione a ruolo, deve intendersi finalizzato a tale iscrizione, e la citazione non può ritenersi nulla per carenza di procura, se quest'ultima sia depositata nella prima udienza di trattazione, in tal modo perfezionandosi la costituzione in giudizio.

Cass. n. 9350/2008

Nel procedimento dinanzi al giudice di pace, allorquando il convenuto intenda chiamare in causa un terzo ha l'onere di costituirsi nel termine di rito e, a pena di decadenza, farne esplicita richiesta nell'atto di costituzione, chiedendo nel contempo il differimento della prima udienza, a cui il predetto giudice deve dar luogo anche nel caso in cui lo stesso convenuto si costituisca direttamente alla prima udienza e si renda necessario provvedervi in base all'attività svolta dalle parti in tale udienza. Al di fuori di dette situazioni processuali al convenuto non è consentito di invocare la chiamata in causa di un terzo all'udienza successiva alla prima che eventualmente venga celebrata, ostandovi la struttura concentrata e tendenzialmente completa dell'udienza prevista dall'art. 320 c.p.c., tesa a compendiare le fasi di trattazione preliminare, istruttoria e conclusiva.

Cass. n. 12476/2004

Nel procedimento dinanzi al giudice di pace la costituzione delle parti può avvenire con la massima libertà di forme in udienza o in cancelleria secondo quanto previsto dall'art. 319 c.p.c., che nella sua attuale formulazione corrisponde letteralmente, salvo il riferimento all'art. 316 in luogo dell'art. 312 c.p.c. per effetto della nuova numerazione degli articoli, all'abrogato art. 314 c.p.c., dal quale era disciplinata la costituzione delle parti nel giudizio dinanzi al pretore e al conciliatore; peraltro, se in relazione alla consentita libertà delle forme, non è sancita alcuna preclusione in relazione agli atti introduttivi, l'art. 320, terzo comma c.p.c., nel prevedere che nella prima udienza le parti precisano definitivamente i fatti posti a base delle domande, difese ed eccezioni, producono i documenti e richiedono i mezzi di prova da assumere, stabilisce un sistema di preclusioni che non è disponibile neppure da parte del giudice con il differimento ad altra della prima udienza. Ne consegue che l'incompetenza per materia, per valore e per territorio nei casi previsti dall'art. 28 c.p.c. può essere eccepita dalla parte o rilevata d'ufficio non oltre la prima udienza.

Cass. n. 11946/2003

Nel procedimento avanti al giudice di pace, l'art. 319 c.p.c. consente alle parti di costituirsi in cancelleria o in udienza, garantendo loro libertà di forme, sicché ben può il convenuto considerarsi esonerato dall'onere di presentare la comparsa di costituzione; peraltro, non distinguendo tra udienza di prima comparizione e udienza di prima trattazione, l'art. 320 c.p.c. concentra nella prima udienza tutta l'attività processuale delle parti (quali la precisazione dei fatti, la produzione dei documenti e le richieste istruttorie), consentendo (ai sensi del quarto comma) il rinvio a successiva udienza solamente quando, in relazione all'attività svolta, risultino necessarie ulteriori produzioni o richieste di prove. Ne consegue che all'udienza che venga tenuta successivamente alla prima rimane precluso al convenuto proporre domanda riconvenzionale, né, ove rimasto contumace alla prima udienza e costituitosi solo a quest'ultima, gli è consentito svolgere attività difensiva diversa dalla mera contestazione delle pretese avversarie e delle prove addotte a sostegno delle medesime, come pure gli è precluso di chiamare un terzo in causa. Le suindicate preclusioni processuali non sono derogabili nemmeno da parte del giudice di pace, che non può rinviare la prima udienza al fine di consentire alle parti l'espletamento di attività precluse, trovando tale sistema fondamento e ragione nell'esigenza di garantire la celerità e la concentrazione dei procedimenti civili, a tutela non solo dell'interesse del singolo ma anche di quello della collettività.

Cass. n. 2830/2002

Il combinato disposto degli artt. 319 c.p.c. e 57 att. c.p.c. va interpretato nel senso che, qualora dinanzi al giudice di pace non sia stata tenuta udienza nel giorno indicato in citazione o nel processo verbale, l'iscrizione a ruolo può essere effettuata anche successivamente alla data indicata in citazione, mentre la costituzione in giudizio dell'attore può essere effettuata fino al giorno dell'udienza effettivamente tenuta dal giudice designato, non esistendo norme che escludano detta costituzione direttamente in udienza, e non potendosi, peraltro, desumere tale forma di sbarramento dai principi generali posti a presidio del procedimento dinanzi al giudice di pace, con conseguente inapplicabilità, in tal caso, del principio secondo cui, nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, la tardiva sostituzione dell'opponente va equiparata alla sua mancata costituzione.

Cass. n. 14074/1999

Nel caso in cui, nel processo avanti al giudice di pace per causa di valore non superiore ai due milioni di lire e, quindi, da decidersi secondo equità, il provvedimento di fissazione della nuova udienza ai sensi degli articoli 181 e 309 del c.p.c. non sia stato comunicato a una delle parti, ancorché entrambe regolarmente costituite, si verifica una grave violazione del principio del contraddittorio e del diritto di difesa, con la conseguente nullità del procedimento e della sentenza conclusiva di esso.

Cass. n. 5751/1999

Nel processo dinanzi al giudice di pace, al convenuto contumace che si costituisce in seconda udienza è preclusa la proposizione della domanda riconvenzionale, anche nel caso in cui il rinvio sia stato effettuato a norma dell'art. 181 c.p.c.

Cass. n. 5626/1999

Nel procedimento dinanzi al giudice di pace, non essendo configurabile alcuna distinzione tra udienza di prima comparizione e prima udienza di trattazione, al convenuto non costituito alla prima udienza, e costituito ? tardivamente ? all'udienza successiva (fissata, nella specie, per «richieste istruttorie ed eventuale precisazione delle conclusioni»), è preclusa la facoltà di proporre domande o eccezioni (da considerarsi nuove) e di produrre documenti.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 319 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

giovanni chiede
martedì 28/02/2012 - Lombardia

“Come mi devo comportare? Ho ricevuto una notifica per un incidente che non ho mai fatto. L'unica cosa che corrisponde al vero e' solo il nome e cognome il resto e' tutto falso ed è dimostrabile.”

Consulenza legale i 13/03/2012

Se la notifica è stata fatta da parte dell'assicurazione del presunto danneggiato, converrebbe, in tale caso, inviare una raccomandata a/r alla compagnia di assicurazione (quella del danneggiato), specificando chiaramente che quanto comunicato non è mai accaduto, allegando anche eventuale documentazione che provi l'estraneità al sinistro (p.e. prova che in quel giorno e ora era altrove).

Se la denuncia dovesse pervenire da un Comando di Polizia o Carabinieri o Polizia Municipale (ad esempio verbale di accertamento con eventuale decurtazione di punti della patente), conviene inviare una raccomandata anche al comando adeguando la risposta al caso concreto. Inoltre, per evitare il rischio che la propria assicurazione proceda alla declassazione con conseguente aumento del premio assicurativo, converrebbe inviare una raccomandata a/r (alla propria assicurazione) in cui si contesta l'addebito spiegando le circostanze e allegando le prove.


Testi per approfondire questo articolo

  • Codice del procedimento davanti al giudice di pace. Norme civili e penali

    Editore: Ipsoa
    Collana: Diritto in pratica
    Pagine: 640
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 36,00 -10% 32,40 €

    Il volume contiene trattazione completa ed aggiornata sulle competenze attribuite al Giudice di pace sia in materia penalistica, quali immigrazione e sostanze stupefacenti, sia riguardo alla materia civilistica, come risarcimento danni per circolazione dei veicoli, alle opposizioni nei confronti delle sanzioni amministrative, alle cause per i servizi condominiali.

    Il volume è aggiornato con le recentissime modifiche introdotte dalla L. 15 luglio 2009, n. 94, cd.... (continua)

  • La giurisprudenza del giudice di pace. Civile, penale, sanzioni amministrative

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il giudice di pace
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 52,00 -10% 46,80 €

    Gli ultimi cinque anni sono stati un periodo di evoluzione importante per il giudice di pace. L'ingresso in servizio di un notevole numero di magistrati, per lo più giovani professionisti, ha elevato lo standard qualitativo dei provvedimenti e riposto nel dimenticatoio quella figura del "giudice atecnico della terza età" che aveva forse ispirato la prima stesura della riforma. Ne risentono positivamente la qualità dei provvedimenti e la consapevolezza del ruolo dei... (continua)

  • Codice ipertestuale commentato dei processi civili davanti al giudice di pace
    Codice + CD-Rom

    Data di pubblicazione: novembre 2009
    Prezzo: 160,00 -10% 144,00 €
    Categorie: Giudice di pace

    L’opera è un commentario breve "articolo per articolo" che fornisce un approfondito ed immediato commento dottrinale e giurisprudenziale in tema di processo davanti al Giudice di Pace in materia civile, attraverso un’analisi teorico-pratica delle singole norme redatta da alcuni tra i migliori giuristi italiani. Il vantaggio dell’ipertestualità consente la navigazione fra le migliaia di leggi e massime citate nei commenti degli autori.

    PIANO... (continua)

  • Commentario del codice di procedura civile
    Articoli 275-322

    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 130,00 -10% 117,00 €

    Il volume è un commentario articolo per articolo o per gruppi di articoli alle norme del codice, alle principali leggi collegate e alla normativa speciale. Il testo di ogni articolo è scomposto in "frammenti" numerati e ad ogni numero corrisponde un paragrafo del commento in cui gli autori analizzano la norma nel dettaglio. Questa impostazione consente una lettura veloce, per individuare rapidamente le informazioni necessarie per affrontare un caso concreto, ma non preclude... (continua)

  • Il procedimento dinanzi al giudice di pace

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica diritto. Penale e process.
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

    Il testo analizza il d.lgs. n. 274/2000 istitutivo del procedimento dinanzi al giudice di pace, approfondendo le norme grazie all'analisi degli orientamenti giurisprudenziali e della dottrina prevalenti. Si esamina l'intero procedimento: la fase delle indagini, con conseguenti strategie difensive, la citazione al giudizio corredata dall'analisi delle nullità, la presentazione immediata al giudizio introdotta dalla L. 94/2009, il ricorso immediato della persona offesa, con relativo... (continua)

  • Ricorso al giudice di pace. Con CD-ROM

    Autore: D'Apollo Luca
    Editore: CEDAM
    Collana: Il diritto applicato. Collana diretta da Giuseppe Cassano
    Pagine: 314
    Data di pubblicazione: dicembre 2009
    Prezzo: 33,00 -10% 29,70 €
    Categorie: Giudice di pace



    Il volume, partendo dalla valutazione storica ed evolutiva del ruolo del giudice onorario, si sofferma ampiamente sul rito civile, sottolineando le differenze rispetto al rito ordinario, sulle novità proposte dal Codice delle assicurazioni private (Legge n. 102 del 2006), in particolare verificando se e quando sia possibile applicare le regole del rito del lavoro dinanzi al Giudice di Pace.

    L’analisi centrale è relativa alle competenze in materia... (continua)

  • Il procedimento civile davanti al giudice di pace dopo le riforme del processo civile. Con CD-ROM

    Collana: Diritto e professione
    Data di pubblicazione: maggio 2010
    Prezzo: 60,00 -10% 54,00 €
    Categorie: Giudice di pace

    Il volume illustra il procedimento davanti al giudice di pace alla luce delle numerose novità apportate dalla legge 1 8 giugno 2009, n. 69 (riforma del processo civile), dalla legge 23 dicembre 2009, n. 191 (limitazione alle esenzioni dal contributo unificato), dal d.Lgs. 4 marzo 2010, n. 28 (che ha introdotto la mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali) e dalla legge 22 febbraio 2010, n. 24, di conv. con mod. del decreto-legge 29 dicembre... (continua)

  • Manuale pratico-operativo del Giudice di pace
    Aspetti civili, penali, amministrativi

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: ottobre 2010
    Prezzo: 75,00 -10% 67,50 €

    Un’opera collettanea che offre una prospettiva completa sul Giudice di Pace il cui ruolo va sempre più crescendo sia nel giudizio civile che in quello penale.Si affrontano, nella prima parte del volume, l’ordinamento, la competenza in materia civile, il procedimento civile, il giudizio secondo equità e, infine, il procedimento penale davanti al Giudice di Pace.Segue una seconda parte, dedicata ai profili operativi, che ha ad oggetto i temi, tutti trattati avuto... (continua)

  • Guida al processo davanti al giudice di pace. Il processo civile e penale davanti al giudice onorario dopo le riforme. Con CD-ROM

    Collana: I percorsi operativi di Guida al Diritto
    Pagine: 342
    Data di pubblicazione: luglio 2010
    Prezzo: 50,00 -10% 45,00 €

    Il giudizio d'equità è tra le poche ipotesi ancora previste in cui il ruolo del giudice è particolarmente delicato e sensibile alle istanze di giustizia sociale e contemperazione tra le parti in causa. Guida al processo davanti al giudice di pace, aggiornato con il D.Lgs. n. 28 del 2010 (sull'introduzione nel nostro ordinamento della mediazione civile quale strumento alternativo di composizione delle liti), fornisce tutte le formule, civili e penali, corredate da... (continua)