Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 78 Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR)

(D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917)

[Aggiornato al 29/04/2022]

Detrazione d'imposta per oneri

Dispositivo dell'art. 78 TUIR

1. Dall'imposta lorda si detrae fino a concorrenza del suo ammontare un importo pari al 19 per cento dell'onere di cui all'articolo 15, comma 1, lettera i-ter).

1-bis. Dall'imposta lorda si detrae, fino a concorrenza del suo ammontare, un importo pari al 19 per cento dell'onere di cui all'articolo 15, comma 1, lettera i-novies).

Massime relative all'art. 78 TUIR

Cass. civ. n. 1126/2018

La regola - stabilita dall'art. 78, comma 4, del d.P.R. n. 917 del 1986 - che consente al contribuente che esercita un'attivitÓ di allevamento di animali di optare, in sede di dichiarazione dei redditi, per il regime ordinario di determinazione del reddito di impresa, cosý rendendo facoltativo il regime forfetario, altrimenti operante, vale esclusivamente nelle ipotesi, fisiologiche, di corrispondenza tra reddito dichiarato e reddito effettivo dell'impresa di allevamento, non anche allorchÚ sussistono i presupposti per l'accertamento induttivo di cui all'art. 39, comma 2, del d.P.R. n. 600 del 1973.

Cass. civ. n. 3487/2014

In tema di imposte sui redditi, l'attivitÓ di allevamento del bestiame non pu˛ essere ricondotta alla previsione dell'art. 29, comma 2, lettera b), del d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917,e va considerata industriale o commerciale, qualora l'allevamento non sia effettuato con mangimi ottenuti, almeno per un quarto di quelli necessari per l'alimentazione del bestiame, dai terreni dell'azienda. Ne consegue che, in tal caso, ai sensi dell'art. 78 del d.P.R. n. 917 cit., il reddito eccedente ha natura di reddito d'impresa e l'imprenditore ha l'obbligo - la cui inottemperanza determina l'inattendibilitÓ della contabilitÓ aziendale e pone a carico del contribuente l'onere di provare i fatti impeditivi o estintivi dell'accertamento effettuato dall'Ufficio - di tenere il registro di carico e scarico degli animali allevati, distintamente per specie e ciclo di allevamento, con l'indicazione degli incrementi e decrementi verificatisi per qualsiasi carico nel periodo d'imposta. (Nella specie, la S.C. ha cassato la decisione impugnata, che aveva ritenuto agricola l'attivitÓ di allevamento svolta dal contribuente allevatore attribuendo, a tal fine, valore decisivo alla circostanza della provenienza di almeno un quarto del foraggio da fondi dal medesimo utilizzati in forza di diritti derivanti da usi civici e trazzere siciliane, mentre egli era proprietario di un fondo la cui esiguitÓ lasciava supporre, al contrario, che meno di un quarto del mangime provenisse dallo stesso). (cassa con rinvio, Comm. Trib. Reg. Messina, 17/07/2006).

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto