Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 8 Preleggi

Usi

Dispositivo dell'art. 8 Preleggi

Nelle materie regolate dalle leggi e dai regolamenti [3] gli usi (1) hanno efficacia solo in quanto sono da essi richiamati (2).
[Le norme corporative prevalgono sugli usi, anche se richiamati dalle leggi e dai regolamenti, salvo che in esse sia diversamente disposto [c.c. 2078]] (3).

Note

(1) Elementi costitutivi degli usi sono: a) l'elemento materiale o oggettivo, consistente nella generalità dell'uso (occorre che il comportamento sia tenuto dalla generalità dei consociati), costanza dell'uso (uniformità e continuità degli atti compiuti in situazioni analoghe), durata nel tempo (c.d. diuturnitas); b) l'elemento psicologico o soggettivo, consistente nel convincimento di uniformarsi ad un precetto giuridico (c.d. opinio iuris ac necessitatis).
(2) Nel nostro ordinamento, dunque, gli usi occupano l'ultimo posto nella gerarchia delle fonti [v. 1]: essi pertanto, possono regolare o materie non disciplinate da leggi e regolamenti (efficacia praeter legem), o materie già disciplinate da tali fonti scritte qualora queste facciano espresso rinvio agli usi (efficacia secundum legem).
La subordinazione degli usi alle leggi implica una conseguenza importante: una legge non può venir meno per desuetudine, ma può essere abrogata soltanto da un'altra legge successiva: gli usi, pertanto, non possono operare contra legem [v. 15].
(3) Vedi 1 nota .

Ratio Legis

Gli usi disciplinati dalla norma sono i c.d. usi normativi, fonti del diritto.
Da non confondere con essi sono: gli usi contrattuali (o negoziali) che costituiscono delle pratiche comunemente e costantemente osservate nelle operazioni contrattuali in un dato luogo o ramo del commercio (es.: in alcuni mercati di fiori l'alzata di mano equivale ad acquisto della partita che in quel momento viene offerta ai compratori) e che si intendono inseriti nel contenuto del contratto, salva la volontà contraria delle parti; gli usi interpretativi che valgono per l'interpretazione [v. c.c. 1368] e l'integrazione dei contratti [v. c.c. 1374].

Brocardi

Consuetudinis ususque longaevi non vilis auctoritas est
Consuetudo
Consuetudo contra legem
Consuetudo magna vis est
Consuetudo praeter legem
Consuetudo quasi altera natura
Consuetudo secundum legem
Diuturna consuetudo pro iure et lege in his, quae non ex scripto descendunt, observari solet
Ea quae longa consuetudine comprobata sunt, ac per annos plurimos observata, velut tacita civium conventio, non minus quam ea quae scripta sunt iura servantur
Inveterata consuetudo pro lege non immerito custoditur
Ius non scriptum
Leges quoque ipsas antiquitus probata et servata tenaciter consuetudo imitatur et retinet
Malae consuetudines neque ex longo tempore neque ex longa consuetudine confirmantur
Merito et ea, quae sine ulto scripto populus probavit, tenebunt omnes
Naturali iuri consuetudine derogari non potest
Opinio iuris ac (oppure: atque) necessitatis
Pleraque in iure non legibus, sed moribus constant
Quaedam iura non scripta, sed omnibus scriptis certiora sunt

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!