Cassazione civile Sez. III sentenza n. 3239 del 21 marzo 1995

(1 massima)

(massima n. 1)

Il danno costituito dalla compromissione della capacitÓ psico-fisica del soggetto, che incida negativamente non sulla capacitÓ di produrre reddito ma sulla esplicazione di attivitÓ diverse da quella lavorativa normale (come le attivitÓ ricreative e quelle sociali), giÓ qualificato come źdanno alla vita di relazione╗ rientra nel concetto di danno alla salute e, pertanto, va liquidato soltanto a tale titolo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.