Cassazione civile Sez. III sentenza n. 24458 del 24 novembre 2007

(2 massime)

(massima n. 1)

La riduzione della penale pattuita ex contractu ove invocata dalla parte interessata non in via di azione ma in via di eccezione, pu˛ essere proposta per la prima volta anche nel giudizio di appello; peraltro il relativo potere del giudice, essendo posto a tutela dell'interesse generale dell'ordinamento, pu˛ essere esercitato anche d'ufficio pur se le parti abbiano contrattualmente convenuto l'irriducibilitÓ della penale.

(massima n. 2)

L'art. 79 della legge 27 luglio 1978, n. 392, il quale sancisce la nullitÓ di ogni pattuizione diretta a limitare la durata legale del contratto di locazione o ad attribuire al locatore un canone maggiore di quello legale, ovvero ad attribuirgli altro vantaggio in contrasto con le disposizioni della legge stessa, non impedisce alle parti, al momento della cessazione del rapporto, di addivenire ad una transazione in ordine ai rispettivi diritti ed in particolare non impedisce al conduttore di rinunciare all'indennitÓ per la perdita dell'avviamento commerciale; tale rinuncia pu˛, peraltro, essere anche implicita, in quanto il citato art. 79 Ú volto ad evitare la preventiva elusione dei diritti del locatario ma non esclude la possibilitÓ di disporne, una volta che essi siano sorti. (Rigetta, App. Milano, 26 Settembre 2003).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.