Cassazione civile Sez. II sentenza n. 28146 del 17 dicembre 2013

(2 massime)

(massima n. 1)

Nell'azione di responsabilitÓ proposta a norma dell'art. 2291 cod. civ. nei confronti dei soci di una societÓ in nome collettivo, la legittimazione passiva spetta solo a chi venga evocato in giudizio nella qualitÓ di socio mentre la deduzione della mancanza, in concreto, di tale qualitÓ integra un'eccezione che deve essere fatta valere nei modi e nei tempi previsti per le eccezioni di parte. (In applicazione dell'enunciato principio, la S.C. ha ritenuto corretta la decisione del giudice di merito, il quale aveva considerato tardiva l'eccezione di estraneitÓ alla compagine sociale, giacchÚ formulata dal socio convenuto soltanto alla terza udienza del giudizio d'appello e non giÓ come necessario, quantomeno col proposto atto di appello incidentale).

(massima n. 2)

La rinuncia all'azione, ovvero all'intera pretesa azionata dall'attore nei confronti del convenuto, costituisce un atto di disposizione del diritto in contesa e richiede in capo al difensore, un mandato "ad hoc", senza che sia a tal fine sufficiente il mandato "ad litem", in ci˛ differenziandosi dalla rinuncia ad una parte dell'originaria domanda, che rientra fra i poteri del difensore, in quanto espressione della facoltÓ di modificare le domande e le conclusioni precedentemente formulate.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.