Cassazione civile Sez. III sentenza n. 2311 del 2 febbraio 2007

(2 massime)

(massima n. 1)

In tema di risarcimento del danno alla persona, il danno da riduzione della capacitą lavorativa generica (per la permanente riduzione della resistenza fisica al lavoro esercitato od alle chances lavorative), costituendo una lesione di un'attitudine o di un modo di essere del soggetto, si sostanzia in una menomazione dell'integritą psico-fisica risarcibile quale danno biologico. Ne consegue che il giudice č tenuto a «personalizzare» il danno biologico tenendo conto anche di tale sua componente essenziale.

(massima n. 2)

La perdita della capacitą sessuale rientra, in quanto lesione psico-fisica medicalmente accertabile, nel danno biologico, ma puņ costituire anche danno esistenziale, la cui rilevanza va autonomamente apprezzata e valutata equitativamente nell'ambito dell'integrale risarcimento del danno non patrimoniale subģto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.