Cassazione civile Sez. II sentenza n. 8259 del 23 luglio 1993

(2 massime)

(massima n. 1)

Con riguardo alla promessa di vendita da parte di un coerede della propria quota ideale di comproprietÓ di un bene ereditario indiviso (e non, quindi di una quota materiale concretamente individuata del bene medesimo), che costituisca l'unico bene dell'ereditÓ, l'effetto traslativo dell'alienazione non resta subordinato alla condizione sospensiva dell'assegnazione in sede di divisione della quota del bene al coerede promittente, essendo quest'ultimo, al momento della conclusione del contratto, proprietario esclusivo della quota promessa in vendita e potendo di questa liberamente disporre ai sensi dell'art. 1103 c.c., immettendo cosý il promissario acquirente nella comproprietÓ del bene.

(massima n. 2)

Per stabilire, ai fini del diritto di prelazione e retratto del coerede (art. 732 c.c.), se la promessa di vendita da parte di altro coerede della propria quota di comproprietÓ di un bene ereditario abbia ad oggetto una quota di un bene determinato o la quota ereditaria del promittente, la circostanza che l'immobile, la cui quota Ŕ oggetto del preliminare, costituisca l'unico bene dell'ereditÓ giustifica la presunzione (iuris tantum) dell'alienazione della quota di ereditÓ, che pu˛ tuttavia essere vinta da altri elementi sintomatici di una diversa volontÓ delle parti desunti dal tenore letterale della convenzione, quali la mancanza di ogni riferimento alla consistenza del compendio ereditario o all'accollo di eventuali passivitÓ.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.