Cassazione penale Sez. Unite sentenza n. 6240 del 12 febbraio 2015

(2 massime)

(massima n. 1)

L'applicazione di una pena accessoria extra o contra legem dal parte del giudice della cognizione pu˛ essere rilevata, anche dopo il passaggio in giudicato della sentenza, dal giudice dell'esecuzione purchÚ essa sia determinata per legge ovvero determinabile, senza alcuna discrezionalitÓ, nella specie e nella durata, e non derivi da errore valutativo del giudice della cognizione.

(massima n. 2)

Sono riconducibili al novero delle pene accessorie non espressamente determinate dalla legge quelle per le quali sia previsto un minimo e un massimo edittale ovvero uno soltanto dei suddetti limiti, ragione per la quale la loro durata deve essere dal giudice uniformata, ai sensi dell'art. 37 cod. pen., a quella della pena principale inflitta.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.