Cassazione civile Sez. III sentenza n. 21729 del 23 settembre 2013

(2 massime)

(massima n. 1)

Alla regola secondo cui nel giudizio di legittimitÓ l'elenco dei documenti relativi all'ammissibilitÓ del ricorso, che siano stati prodotti successivamente al deposito di questo, debba essere notificato alle altre parti (art. 372, secondo comma, c.p.c.) si pu˛ derogare quando, nonostante l'omissione della notifica, il contraddittorio sia stato comunque garantito. (In applicazione di tale principio, la S.C. ha ritenuto rituale la produzione, in allegato alla memoria ex art. 378 c.p.c., della procura conferita da una societÓ al proprio legale rappresentante, quantunque non notificata, in un caso in cui l'avvocato della controparte aveva comunque preso parte alla discussione).

(massima n. 2)

La clausola di esclusiva inserita in un contratto di somministrazione, in virt¨ del principio generale di libertÓ delle forme negoziali, deve avere la medesima forma prevista per il contratto cui accede e non soggiace all'operativitÓ dell'art. 2596 c.c. che impone tale forma, "ad probationem", per il patto che limita la concorrenza.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.