Cassazione penale Sez. I sentenza n. 4450 del 6 novembre 1996

(2 massime)

(massima n. 1)

Deve considerarsi abnorme, e quindi immediatamente ricorribile per cassazione, il provvedimento con il quale il tribunale, nella fase degli atti introduttivi al dibattimento, erroneamente valutando indeterminata ed insufficiente l'enunciazione del fatto contestato, dichiara la nullitÓ del decreto che dispone il giudizio e restituisce gli atti per quanto di competenza al giudice che lo ha emesso; tale decisione, infatti, determina un'inammissibile regressione del processo ad una fase anteriore, creando una situazione di paralisi in quanto il giudice per le indagini preliminari cui gli atti sono rimessi non dispone dei poteri necessari per sanare la nullitÓ predetta, dovendosi escludere che gli spetti un autonomo potere integrativo o correttivo, nÚ tantomeno pu˛ ordinare a sua volta la restituzione degli atti al pubblico ministero perchÚ proceda all'eventuale integrazione dell'imputazione, in quanto anche tale provvedimento, determinando un'inammissibile regressione processuale, sarebbe abnorme.

(massima n. 2)

L'incompatibilitÓ del giudice pu˛ essere eccepita esclusivamente con l'istanza di ricusazione di cui all'art. 38 c.p.p., e non direttamente con il ricorso per Cassazione: ci˛ in quanto le doglianze contro provvedimenti giurisdizionali, per essere ammissibili, debbono essere dedotte con i mezzi tassativamente indicati, nelle forme e nei termini prescritti dalla legge processuale. Ne consegue che anche una eventuale questione di legittimitÓ costituzionale, diretta ad introdurre ed a far valere un motivo di incompatibilitÓ del giudice, pu˛ essere esaminata solo nell'ambito di un procedimento di ricusazione correttamente introdotto. (Nella fattispecie la Suprema Corte, enunciando il principio di cui in massima, ha dichiarato irrilevante la questione di legittimitÓ costituzionale, sollevata dal ricorrente con i motivi di impugnazione, delle norme che regolano il giudizio direttissimo, nella parte in cui non prevedono che, a celebrare il giudizio, non sia un giudice diverso da quello che ha disposto la convalida dell'arresto dell'imputato).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.