Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 226 Legge fallimentare

(R.D. 16 marzo 1942, n. 267)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Denuncia di crediti inesistenti

Dispositivo dell'art. 226 Legge fallimentare

Si applicano le pene stabilite nell'art. 220 agli amministratori, ai direttori generali e ai liquidatori di società dichiarate fallite, che hanno commesso i fatti in esso indicati.

Ratio Legis

La norma rinvia all'art. 220, dove si enucleano tre condotte criminose:
- la denuncia di creditori inesistenti, che non può essere compiuta dai direttori generali privi di poteri di amministrazione;
- l'omessa dichiarazione dell'esistenza di altri beni;
- l'inosservanza degli obblighi imposti dagli articoli 16, n. 3 e 49 (deposito di bilanci e scritture contabili), che similarmente alla prima ipotesi non può essere ravvisata contro i direttori generali.
Nessuna delle tre condotte può essere posta in essere dai sindaci, quindi la norma non ne fa menzione.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto