Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 46 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Costringimento fisico

Dispositivo dell'art. 46 Codice penale

Non è punibile (1) chi ha commesso il fatto per esservi stato da altri costretto, mediante violenza fisica (2) alla quale non poteva resistere o comunque sottrarsi.

In tal caso, del fatto commesso dalla persona costretta risponde l'autore della violenza.

Note

(1) Viene meno, come previsto anche in materia di caso fortuito e forza maggiore all' art. 45 del c.p., l'elemento soggettivo del reato. Qui, però,il nesso psichico tra l'agente e la condotta posta in essere non viene meno in dipendenza da un fatto naturale,bensì in quanto l'annullamento della volontà del soggetto è il risultato dell'opera di un altro, il quale sarà chiamato a rispondere del fatto, in quanto il primo ha agito quale "longa manus" del secondo. Il "costringimento fisico" esclude la coscienza e volontà della condotta, solo se il soggetto si trovava però nell'impossibilità di sottrarsi alla violenza fisica subita.
(2) Si differenzia dal costringimento psichico poiché trae origine da una violenza fisica e non da una minaccia, costituisce, quindi, una causa oggettiva,non soggettiva, di esclusione del reato. Infatti se vi è stata violenza psichica (v. 54 3) la volontà del soggetto è determinata da minaccia e, pertanto, non risulta coartata in modo assoluto. Si pensi al caso in cui un soggetto è costretto da altri a commettere un reato perché minacciato con una pistola.

Ratio Legis

La colpevolezza viene meno, in tali casi, in quanto la volontà, sebbene espressa, non è stata liberamente espressa dal soggetto che, anzi, si è trovato nell’impossibilità materiale di tenere un comportamento diverso da quello impostogli. Difetta pertanto l'elemento della rimproverabilità.

Spiegazione dell'art. 46 Codice penale

Il costringimento fisico appartiene al novero delle cause di esclusione della colpevolezza, le quali si fondano sulla inesigibilità di un comportamento normalmente ritenuto opportuno dal legislatore, e pertanto rendono il soggetto agente non rimproverabile.

Pare opportuno precisare che il fatto tipico previsto dalla norma incriminatrice si realizza completamente, mantenendo tutto il suo disvalore oggettivo, ma la scusante ne elide la rilevanza penale.

Oltre al costringimento fisico rientrano nel novero delle cause di esclusione della colpevolezza anche il caso fortuito, la forza maggiore (art. 45) e l'errore (art. 47).

Tramite la disposizione in oggetto il legislatore ha inteso escludere la punibilità di chi abbia commesso un fatto di reato perchè costretto da altri. Il soggetto agente diventa quindi un mero strumento del terzo, il quale lo ha costretto tramite violenza fisica.

Ai sensi del secondo comma, sarà il terzo a rispondere del reato principale.

L'istituto in esame si differenzia sia come sostanza che come disciplina dalla violenza psichica (art. 54). Mentre nel costringimento fisico è esclusa la stessa possibilità di agire, e la condotta è da ritenersi interamente propria del terzo, nella vis psichica il soggetto minacciato agisce volontariamente, ma sulla base di uno stato mentale alterato dall'altrui minaccia. Essendo l'ingerenza del terzo meno penetrante, il codice richiede le caratteristiche dello stato di necessità.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Compendio di diritto penale. Parte generale. Maior

    Collana: Compendi Maior. Per i concorsi superiori
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 57,00 -5% 54,15 €
    Il Compendio è rivolto a coloro i quali sono chiamati a sostenere i concorsi superiori nelle magistrature, nella dirigenza pubblica e nelle forze dell'ordine e che intendono acquisire con immediatezza le nozioni essenziali, con un attento richiamo alle voci più autorevoli della dottrina e agli interventi giurisprudenziali sui temi sui quali è possibile che possano essere chiamati a misurarsi nelle prove concorsuali. L'opera è aggiornata ai più recenti... (continua)
  • Del c. d. concorso esterno. Storia esemplare di un «tradimento» della legalitą

    Editore: Giappichelli
    Pagine: 136
    Data di pubblicazione: novembre 2018
    Prezzo: 17,00 -5% 16,15 €
    Categorie: Concorso di reati
    La via tortuosa e sconnessa, che la giurisprudenza (e buona parte della dottrina) indica in tema di c.d. concorso esterno si appalesa non percorribile. Lungi dall'essere una semplice trasformazione in progress della legalità costituisce, infatti, un conclamato "aggiramento" delle basi legali e, dunque, un pieno tradimento dei principi fondanti del sistema penale. (continua)
  • Il concetto di concorso esterno

    Editore: Aracne
    Pagine: 48
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 6 €
    Categorie: Concorso di reati
    Il volume affronta il tema del reato di concorso esterno. Attraverso la lettura del testo è possibile comprenderne il concetto, il significato più intimo e profondo, le caratteristiche peculiari e le varie sfumature. L'analisi comparata delle sentenze della Cassazione sull'argomento, presente nella seconda parte, rappresenta un'indiscutibile opportunità di approfondimento e di riflessione. Si sottolinea infine l'importanza di quest'opera per la possibilità che essa... (continua)
  • Compendio di diritto penale. Parte generale

    Collana: I compendi superiori
    Pagine: 784
    Data di pubblicazione: agosto 2018
    Prezzo: 64,00 -5% 60,80 €
    L'idea di fondo è quella di assicurare - con volumi snelli e sintetici - una preparazione solida recante una trattazione esaustiva non solo degli istituti, ma anche dei principali orientamenti giurisprudenziali e dei relativi dibattiti dottrinali riportati in modo schematico. I compendi si connotano per: chiarezza nella forma, completezza della trattazione, esposizione schematica "per punti" delle principali tesi emerse sulle questioni più problematiche, selezione della... (continua)
  • L' intelligenza artificiale guida le nostre vetture. Profili di responsabilitą

    Pagine: 126
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 12,00 -5% 11,40 €
    L'ormai prossima comparsa delle autovetture autonome sulle nostre strade porrà nuovi problemi ai giuristi, ai costruttori e agli utilizzatori di vetture, ai gestori delle infrastrutture stradali e agli assicuratori. Il diritto s'interroga se l'attuale sistema della responsabilità civile da prodotto potrà ancora rispondere adeguatamente a tali problematiche o se necessiterà di modifiche: scomparirà, infatti, la figura del conducente (umano) della vettura e,... (continua)