Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 722 bis Codice di procedura penale 2020

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Riparazione per ingiusta detenzione

Dispositivo dell'art. 722 bis Codice di procedura penale 2020

1. La custodia cautelare all'estero in conseguenza di una domanda di estradizione presentata dallo Stato è computata ai fini della riparazione per ingiusta detenzione nei casi indicati all'articolo 314.

Spiegazione dell'art. 722 bis Codice di procedura penale 2020

La norma in esame estende le regole risarcitorie di cui all'art. 314 anche alle fattispecie in cui la custodia cautelare (equivalente a tutti gli effetti alla detenzione) è stata sofferta all'estero per via di una domanda di estradizione presentata dallo Stato italiano. Qualora la domanda di estradizione fosse illegittima o comunque sostanzialmente ingiusta, la custodia cautelare ed i suoi patemi ne sono una diretta conseguenza, e pertanto lo Stato è tenuto a risarcire il soggetto.


L'art. 314 individua due diverse categorie di ingiusta detenzione.

La prima si riferisce all'ipotesi in cui l'imputato, dopo aver sofferto un periodo di custodia cautelare senza avervi dato causa con dolo o colpa grave, venga prosciolto con sentenza irrevocabile per non aver commesso il fatto, ovvero perché il fatto non sussiste o non costituisce reato, ivi comprese le ipotesi di fatto compiuto nell'adempimento di un dovere o nell'esercizio di un diritto o ancora perché il fatto non è previsto dalla legge come reato.

Lo stesso vale per la persona ingiustamente detenuta nei cui confronti siano stati pronunciati, al termine delle indagini preliminari, una sentenza di non luogo a procedere con le medesime formule o un provvedimento di archiviazione.Le ipotesi elencate manifestano situazioni in cui la stessa sentenza evidenzia la sostanziale ingiustizia delle decisioni restrittive della libertà personale.

La seconda categoria si riferisce invece all'imputato detenuto senza che ricorressero le condizioni di applicabilità di cui agli articoli 273 e 280. Qui no viene in rilievo una sostanziale ingiustizia della decisione, bensì una sua illegittimità.


Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.