Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 509 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 09/08/2019]

Sospensione del dibattimento per esigenze istruttorie

Dispositivo dell'art. 509 Codice di procedura penale

1. Nei casi previsti dagli articoli 495 comma 4, 506 e 507 il giudice, qualora non sia possibile provvedere nella medesima udienza, sospende il dibattimento [477 2, 304 1 lett. a] per il tempo strettamente necessario, fissando la data della nuova udienza.

Ratio Legis

Tale disposizione svolge la funzione di bilanciare due interessi: da una parte a necessità di svolgere ulteriori accertamenti e dall'altra l'esigenza di assicurare la concentrazione del dibattimento.

Spiegazione dell'art. 509 Codice di procedura penale

Per esigenze legate sia alla necessitò di svolgere approfondimenti istruttori sia all'esigenza di assicurare la speditezza e la concentrazione della fase dibattimentale, la norma in esame prevede che il giudice possa sospendere il dibattimento per il tempo strettamente necessario a compiere le attività previste dagli articoli citati nella disposizione stessa.

Si tratta delle ipotesi di c.d. nuove determinazioni circa le prove (art. 495 4), indicazione alle parti di nuovi temi di prova (art. 506) e disposizione di nuove acquisizioni probatorie (art. 507), cui si deve aggiungere l'applicazione specifica già vista nell'art. 508 in materia di provvedimenti conseguenti all'ammissione della perizia nel dibattimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Il dibattimento nel processo penale

    Autore: Lupoli Luca
    Editore: Aracne
    Collana: Diritto novitā
    Pagine: 136
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 9 €

    Il presente volume analizza il dibattimento quale fulcro del processo penale italiano, sottolineando l'assoluta centralità ad esso conferita dal sistema accusatorio, introdotto nel nostro Paese dalla riforma del 1988. Procede al confronto tra quest'ultimo ed il sistema inquisitorio, affrontando altresì l'evoluzione storica del processo penale dall'Unità d'Italia all'entrata in vigore del Codice "Vassalli" e le differenti fasi che scandiscono il primo grado del vigente... (continua)