Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 614 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 09/08/2019]

Dibattimento

Dispositivo dell'art. 614 Codice di procedura penale

1. Le norme concernenti la pubblicità, la polizia e la disciplina delle udienze e la direzione della discussione nei giudizi di primo e di secondo grado si osservano davanti alla corte di cassazione, in quanto siano applicabili.

2. Le parti private possono comparire per mezzo dei loro difensori (1).

3. Nell'udienza stabilita, il presidente procede alla verifica della costituzione delle parti e della regolarità degli avvisi, dandone atto a verbale; quindi, il presidente o un consigliere da lui delegato fa la relazione della causa.

4. Dopo la requisitoria del pubblico ministero, i difensori della parte civile, del responsabile civile, della persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria e dell'imputato espongono nell'ordine le loro difese. Non sono ammesse repliche (2).

Note

(1) La verbalizzazione dell'attività di verifica tende ad evitare errori che, se compiuti, sarebbero irrimediabili, considerata l'inoppugnabilità delle decisioni.
(2) Si ricordi che però, se una questione è dedotta per la prima volta nel corso della discussione, il presidente può concedere nuovamente la parola alle parti già intervenute ex art. 171 disp. att. del presente codice.

Ratio Legis

Tale disposizione prende in esame l'ipotesi in cui si debba procedere a l rito camerale e quindi in un'ottica di garanzia sia necessario garantire una pubblica udienza.

Spiegazione dell'art. 614 Codice di procedura penale

Al di fuori delle ipotesi in cui si debba procedere in camera di consiglio ai sensi dell'articolo 611, il ricorso si decide in udienza pubblica.

Nella fase dibattimentale si osservano, in quanto compatibili, le norme relativa all pubblicità, alla polizia ed alla disciplina delle udienza, alla direzione delle udienze della discussione di primo e secondo rado. La differenza principlae è rappresentata dal fatto che le parti possono partecipare solamente tramite i loro difensori. Per la verità, nemmeno l'intervento dei difensori è necessario, potendosi svolgere il tutto in forma meramente cartacea.

Non è inoltre consentita alcuna istruzione dibattimentale e non è permessa alcuna esibizione di nuovi documenti, se questi potevano essere prodotti nelle precedenti fasi di merito.

Nella fase di discussione non sono ammesse repliche. Difatti, dopo la requisitoria del pubblico ministero, seguono le difese dei difensori della parte civile, del responsabile civile, della persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria e dell'imputato. Tuttavia, quando una questione è dedotta per la prima volta in cassazione, il presidente può concedere nuovamente la parola alle parti già intervenute (art. 171 disp. Att.).

In udienza, il presidente procede alla verifica della regolare costituzione delle parti e della regolarità degli avvisi, facendo verbalizzare il tutto.

Massime relative all'art. 614 Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 26301/2017

Nel procedimento davanti alla Corte di cassazione, nel caso di rinvio ad udienza fissa disposto d'ufficio o su istanza di parte, anche per legittimo impedimento o per astensione dalle udienza, non deve essere comunicata la data della nuova udienza alle parti, atteso che queste, ricevuta notizia della data di trattazione della prima udienza, hanno l'onere di accertarsi presso la cancelleria della data del rinvio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • L'interesse ad impugnare nel processo penale

    Editore: Giappichelli
    Collana: Procedura penale. Studi
    Data di pubblicazione: aprile 2014
    Prezzo: 44,00 -5% 41,80 €
    Categorie: Appello, Cassazione

    Questo studio intende fornire un nuovo paradigma d'indagine, in grado di guidare l'interprete attraverso i compositi passaggi in cui l'esame di ammissibilità deve dispiegarsi. Individuati i fondamenti dell'istituto, viene delineato un modello di giudizio, articolato in una parte generale e speciale. La prima è volta a porre in luce le scansioni in cui strutturare la diagnosi di ricevibilità dell'impugnazione, con particolare riguardo alle variabili da considerare e da... (continua)

  • Le impugnazioni delle misure cautelari personali

    Autore: Maggio Paola
    Editore: Giuffrè
    Collana: Trattato di procedura penale
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 65,00 -5% 61,75 €
    L'opera, con lo stile e l'approfondimento proprio del trattato, affronta i seguenti argomenti: l'evoluzione dei controlli cautelari nel sistema processuale; tipologia dei controlli; le sequenze procedimentali; il giudizio; l'appello; Il ricorso per cassazione; gli effetti delle decisioni. (continua)
  • Appello, ricorso per cassazione e revisione

    Autore: Aprile Ercole
    Editore: Giuffrè
    Collana: Pratica giuridica. II serie
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 58,00 -5% 55,10 €

    Il volume illustra dapprima le disposizioni generali sulle impugnazioni, soffermandosi sui provvedimenti impugnabili, i soggetti legittimati, l'interesse ad impugnare e l'inammissibilità dell'impugnazione, per poi analizzare nello specifico il ricorso per cassazione, l'appello e la revisione, mettendo in luce i più importanti orientamenti giurisprudenziali e la recente dottrina.

    (continua)
  • Il giudizio civile di Cassazione

    Editore: Giuffrè
    Collana: Pratica giuridica. II serie
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €
    Il ricorso per cassazione, mezzo di impugnazione ordinaria e a critica vincolata, è stato oggetto nel corso del tempo di vari interventi legislativi. La nuova edizione dell'opera è aggiornata alla luce della recente riforma di cui alla legge n. 197/2016 che, novellando nove articoli del codice di rito (artt. 375, 376, primo comma, 377, 379, 380-bis, 380-ter, 390, 391, 391-bis) e aggiungendone uno di nuovo conio (380-bis.1), ha adeguatamente garantito il diritto di difesa delle... (continua)
  • L'argomentazione giudiziale e il suo controllo in cassazione. Unione camere penali. Atti del Convegno (Lipari, 10 settembre 2011)

    Editore: Aracne
    Collana: «I libri» di archivio penale
    Pagine: 168
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 12 €
    Categorie: Cassazione

    Il volume costituisce un contributo a più voci sul tema della logica nel processo penale e del suo controllo nel giudizio di cassazione. Dagli spunti forniti in occasione del Convegno di Lipari del 10 settembre 2011, organizzato con il contributo dell'Unione delle Camere Penali Italiane e con il patrocinio del Consiglio dell'Ordine di Barcellona Pozzo di Gotto e della Scuola Superiore dell'Avvocatura, è nato il presente quaderno che, alla luce della qualità e... (continua)