Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 600 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Provvedimenti in ordine all'esecuzione delle condanne civili

Dispositivo dell'art. 600 Codice di procedura penale

1. Se il giudice di primo grado ha omesso di pronunciare sulla richiesta di provvisoria esecuzione proposta a norma dell'articolo 540 comma 1 ovvero l'ha rigettata, la parte civile può riproporla mediante impugnazione della sentenza di primo grado al giudice di appello il quale, a richiesta della parte, provvede con ordinanza in camera di consiglio (1).

2. Il responsabile civile e l'imputato possono chiedere con le stesse forme la revoca o la sospensione della provvisoria esecuzione.

3. Su richiesta delle stesse parti, il giudice di appello può disporre, con le forme previste dal comma 1, che sia sospesa l'esecuzione della condanna al pagamento della provvisionale [539] quando possa derivarne grave e irreparabile danno (2).

Note

(1) Si ricordi che ex art. 540 la condanna alle restituzioni e al risarcimento del danno è dichiarata provvisoriamente esecutiva, a richiesta della parte civile, quando ricorrono giustificati motivi e che la condanna al pagamento della provvisionale è immediatamente esecutiva.
(2) La Corte cost., con sent. 27 luglio 1994, n. 353 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale di tale comma nella parte in cui prevede che il giudice d'appello può disporre la sospensione dell'esecuzione della condanna al pagamento della provvisionale quando possa derivarne grave e irreparabile danno, anziché quando ricorrono gravi motivi.

Ratio Legis

La norma in esame svolge l a funzione di disciplinare le decisione del giudice di appello in ordine alle materie in primo grado disciplinate dall'art. 540.

Massime relative all'art. 600 Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 38956/2005

È abnorme, ed è pertanto immediatamente ricorribile per cassazione, la statuizione contenuta nel dispositivo di una sentenza di condanna con la quale la sospensione condizionale della pena venga subordinata al pagamento di una provvisionale entro un termine decorrente dalla lettura del suddetto dispositivo anziché dall'inizio del decorso del termine per impugnare la sentenza, una volta che questa venga depositata.

Cass. pen. n. 1581/1999

L'istanza di sospensione dell'esecuzione di una condanna al pagamento della provvisionale deve essere formulata, a pena di inammissibilità, con l'atto di gravame e non separatamente e successivamente all'impugnazione della sentenza che detta condanna contenga.

Cass. pen. n. 4380/1995

Il danno grave ed irreparabile che può derivare dalla esecuzione della condanna civile, in considerazione del quale la Cassazione può sospendere tale esecuzione deve essere inteso nel senso di pregiudizio eccessivo che il debitore subisce, ossia tale da risolversi nella distruzione o disintegrazione del bene controverso. Pertanto quando la condanna abbia riguardo al versamento di una somma di denaro, stante la fungibilità di tale bene, la irreparabilità del danno deve essere esclusa; d'altro canto tale concetto non può essere confuso con le concrete difficoltà di recupero della somma né le precarie condizioni economiche dello obbligato possono costituire valido motivo a sostegno dell'istanza di sospensione posto che l'irreparabilità del danno deve concretarsi nell'impossibilità o inutilità della reintegrazione del diritto dell'esecutato anche sotto forma di risarcimento.

Cass. pen. n. 977/1993

L'ordinanza con la quale la corte di appello si pronuncia sulla richiesta di sospendere l'esecuzione della condanna al pagamento di una provvisionale non è impugnabile con ricorso per cassazione.

Cass. pen. n. 387/1993

L'ordinanza camerale assunta ex art. 600 comma secondo c.p.p. (che ricalca l'art. 589 bis vecchio codice di rito), conseguita ad apposita istanza di revoca o sospensione della provvisoria esecuzione della provvisionale, nella fase degli atti preliminari al dibattimento d'appello, seppure autonoma rispetto al profilo penale, è da un lato strutturalmente collegata al merito della vicenda (ancora sub iudice) e dall'altro ha natura meramente interlocutoria, potendo essere modificata nel corso dell'appello. Ne consegue che per il principio di cui all'art. 586/1 c.p.p., tale tipo di ordinanza va impugnata unitamente alla sentenza d'appello e per il principio della tassatività delle impugnazioni ex art. 568 stesso codice non è ricorribile autonomamente in cassazione.

Cass. pen. n. 4471/1992

Avverso l'ordinanza con la quale il giudice di appello rigetta la richiesta dell'imputato intesa ad ottenere, ai sensi dell'art. 600, comma terzo, c.p.p., la sospensione della esecuzione della condanna al pagamento di una provvisionale in favore della parte civile, disposta dal giudice di primo grado, non è consentita alcuna impugnazione, non essendo previsto alcun mezzo di impugnazione avverso tale provvedimento ed atteso il principio della tassatività dei mezzi di impugnazione, fissato nell'art. 568 c.p.p.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • La prova nel giudizio di appello

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 13,00 -5% 12,35 €
    Categorie: Prove atipiche, Appello
    Raccolta di scritti ad uso didattico, da utilizzare come parte speciale per il corso di Diritto processuale penale, da studenti iscritti al corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza e in Giurisprudenza d'Impresa, e per il modulo di lezioni di Diritto processuale penale nell'ambito della Scuola di Specializzazione per le Professioni legali. Il testo offre approfondimenti in tema di impugnazioni, giudizio di appello nel rito ordinario e nel rito abbreviato, rinnovazione dell'istruttoria... (continua)