Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 589 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 29/02/2020]

Istanza di assegnazione

Dispositivo dell'art. 589 Codice di procedura civile

L'istanza di assegnazione (1) deve contenere l'offerta di pagamento di una somma non inferiore a quella prevista nell'articolo 506 e al prezzo base stabilito per l'esperimento di vendita per cui è presentata 568 [disp. att. 173] (2) (3).

Fermo quanto previsto al primo comma, se nella procedura non risulta che vi sia alcuno dei creditori di cui all'articolo 498 e se non sono intervenuti altri creditori oltre al procedente, questi può presentare offerta di pagamento di una somma pari alla differenza fra il suo credito in linea capitale e il prezzo che intende offrire, oltre le spese(4).

Note

(1) Comma così modificato dal D. L. 27 giugno 2015, n. 83, convertito, con modificazioni, nella L. 6 agosto 2015, n.132. L'istanza di assegnazione del bene può essere proposta dal creditore pignorante e dagli altri intervenuti tramite il ricorso scritto (v. art. 125 del c.p.c.) oppure anche oralmente all'udienza di audizione delle parti. Essa deve contenere, a pena di inammissibilità, l'offerta di pagamento di una somma non inferiore al prezzo base stabilito per la vendita e alla somma delle spese di esecuzione e dei crediti aventi diritto di prelazione anteriore a quello dell'offerente.
(2) La conseguenza prodotta dall'assegnazione forzata è identica a quella della vendita forzata, ovvero il trasferimento della titolarità del bene, oggetto della procedura esecutiva. Vi è però una differenza, in quanto solo nell'assegnazione l'attribuzione della titolarità del bene può aver luogo solamente nei confronti del creditore procedente istante e dei creditori intervenuti, siano o meno muniti di titolo esecutivo.
(3) Si precisa che l'assegnazione può produrre effetti distinti a seconda del fatto che si tratti di assegnazione satisfattiva, assegnazione-vendita o assegnazione mista. Nel primo caso, il bene immobile è assegnato al creditore o ai creditori in luogo della distribuzione della somma ricavata dalla vendita. Nell'assegnazione-vendita, uno o più creditori ottengono l'attribuzione del bene dietro versamento di una somma di denaro a favore della massa, somma che dovrà essere distribuita. Nell'ultima ipotesi, che si verifica quando il bene assegnato ha un valore superiore al credito dell'assegnatario, questo deve versare la differenza tra il valore del bene ed il proprio credito.
(4) Il secondo comma è stato così modificato dalla L.80/2005. Secondo la nuova formulazione, se nella procedura non vi sono creditori di cui all'art. 498 del c.p.c., ovvero creditori titolari di un diritto di prelazione risultante da pubblici registri e non sono intervenuti altri creditori oltre al procedente, quest'ultimo puo' presentare istanza di assegnazione, offrendo di pagare la differenza tra il proprio credito in linea capitale e il prezzo che intende offrire, oltre le spese.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Commentario del codice di procedura civile
    Artt. 474-632 c.p.c.

    Pagine: 850
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 130,00 -5% 123,50 €

    Il quinto volume, che appartiene alla COLLANA COMMENTARIO DEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE, è quello riguardante gli articoli titoli III e IV del Libro II (processo di cognizione) del codice di procedura civile, che riguardano le disposizioni in tema di revocazione e opposizione di terzo (artt. 395-408 c.p.c.) e di controversie in materia di lavoro (artt. 409-473 c.p.c.).

    Il volume è aggiornato:

    a) al D.L. 21 giugno 2013, n. 69 convertito dalla l. 9.8.2013, n. 98... (continua)

  • Le opposizioni di terzi all'esecuzione

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Civile e processo
    Pagine: 78
    Data di pubblicazione: maggio 2019
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
  • L' esecuzione civile. Formulario commentato

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 72,00 -5% 68,40 €
    La scarsa attenzione riservata al processo esecutivo dalla dottrina (almeno sino a tempi recenti) e il limitato spazio che esso occupa nella formazione del giurista medio sono fatti tanto noti quanto sorprendenti e sono altresì fonte di problemi ogni qual volta occorra ottenere per via giurisdizionale ed in modo forzoso la concreta soddisfazione di un diritto. Di qui l'esigenza di strumenti che consentano di meglio padroneggiare i molteplici e talvolta complessi strumenti che... (continua)
  • Manuale di diritto dell'esecuzione civile

    Autore: Capponi Bruno
    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: marzo 2015
    Prezzo: 50 €

    Questa nuova edizione del Manuale trova occasione nei mutamenti legislativi intervenuti (all'espropriazione presso terzi rivoluzionata con la Legge di Stabilità per il 2013 avevamo dedicato un'appendice di aggiornamento senza poter immaginare che di lì a breve il legislatore si sarebbe di nuovo interessato alla materia - addirittura con decretazione d'urgenza, intervenendo anche su altri aspetti del processo esecutivo: decreto-legge n. 132/2014, convertito dalla legge n.... (continua)

  • La custodia giudiziaria e la delega al professionista nell'esecuzione forzata immobiliare

    Editore: Aracne
    Pagine: 384
    Data di pubblicazione: novembre 2014
    Prezzo: 18 €

    L'opera è divisa in due parti: la prima attiene alla custodia e prende in esame argomenti di indubbio rilievo, quali: le funzioni ed i compiti del custode, la responsabilità, gli adempimenti e la legittimazione processuale; la seconda, invece, attiene alla delega delle operazioni di vendita e tratta questioni, anche molto dibattute, quali: la natura del delegato, l'ambito della delega, le singole attività del delegato ed i reclami. Ampi spazi sono dedicati all'aspetto... (continua)

  • Formulario annotato dell'esecuzione 2016. Con CD-ROM

    Collana: I formulari
    Data di pubblicazione: marzo 2016
    Prezzo: 55 €

    II formulario propone i modelli di atto che gli avvocati, professionisti delegati, ufficiali giudiziari e giudici devono utilizzare quando si approcciano al processo di esecuzione, dai più temuto per l'estremo tecnicismo della materia. Le numerose annotazioni che corredano le formule - aggiornate alla più recente giurisprudenza di merito e di legittimità e agli ultimissimi interventi di riforma (si veda il D.L. 83/2015, conv. in L. 132/2015 che ha innovato le... (continua)