Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 64 Codice degli appalti

(D.lgs. 12 aprile 2006, n. 163)

[Aggiornato al 18/04/2016]

Bando di gara

[ABROGATO]

Dispositivo dell'art. 64 Codice degli appalti

Il presente testo è stato abrogato dal nuovo Codice dei contratti pubblici.
[(art. 35, parr. 2 e 3, e art. 36.1., direttiva 2004/18; art. 3, d.P.C.M. n. 55/1991; art. 5, co. 2, d.lgs. n. 358/1992; art. 8, co. 2, d.lgs. n. 157/1995; art. 80, co. 11, d.P.R. n. 554/1999)
1. Le stazioni appaltanti che intendono aggiudicare un appalto pubblico o un accordo quadro mediante procedura aperta, procedura ristretta, procedura negoziata con pubblicazione di un bando di gara, dialogo competitivo, rendono nota tale intenzione con un bando di gara.
2. Le stazioni appaltanti che intendono istituire un sistema dinamico di acquisizione rendono nota tale intenzione mediante un bando di gara.
3. Le stazioni appaltanti che intendono aggiudicare un appalto pubblico basato su un sistema dinamico di acquisizione rendono nota tale intenzione con un bando di gara semplificato.
4. Il bando di gara contiene gli elementi indicati nel presente codice, le informazioni di cui all'allegato IX A e ogni altra informazione ritenuta utile dalla stazione appaltante, secondo il formato dei modelli di formulari adottati dalla Commissione in conformitā alla procedura di cui all'articolo 77, paragrafo 2, direttiva 2004/18. 4-bis. I bandi sono predisposti dalle stazioni appaltanti sulla base di modelli (bandi - tipo) approvati dall'Autoritā, previo parere del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e sentite le categorie professionali interessate, con l'indicazione delle cause tassative di esclusione di cui all'articolo 46, comma 1-bis. Le stazioni appaltanti nella delibera a contrarre motivano espressamente in ordine alle deroghe al bando - tipo.]

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 64 Codice degli appalti

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Gilda S. chiede
martedė 25/07/2017 - Calabria
“in qualità di stazione appaltante Vorrei sapere gli steps per pubblicare una gara di rilievo europeo soprasoglia comunitaria (art. 35 D.lgs n.50/2016) e soprattutto dove e come la devo pubblicare ( GUCE GURI ecc) , dove ritrovo formati e quant'altro mi occorre.
Grazie”
Consulenza legale i 02/08/2017
La procedura di pubblicazione di una gara di appalto soprasoglia comunitaria è disciplinata dal d. lgs. n. 50/2016 (Codice Contratti Pubblici) e prevede i seguenti passaggi:

1. Avviso di pre-informazione (art. 63 Codice contr. pubb.): contiene le informazioni previste nell'all. IX A, punto 2, del Codice contr. pubb. (d. lgs. n. 50/2016) e può essere integrato con ogni altra informazione ritenuta utile dalla stazione appaltante.
L'avviso deve essere conforme ai formulari di cui agli All.ti 1 e 8 del Regolamento comunitario n. 1564/2005.
Si tratta di un avviso facoltativo, che consente, se pubblicato, di ridurre i tempi di ricezione delle offerte.

La pubblicazione deve essere effettuata su:
I) GUCE;
II) profilo del committente (dopo l'invio alla GUCE);
III) Sito del Ministero delle Infrastrutture e sito presso l'Osservatorio dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici;
IV) Sito informatico dell'Osservatorio regionale sui contratti pubblici;
V) BUR della Regione

2. Bando di gara (art. 64 Codice contratti pubblici): deve contenere le informazioni previste dall'All. IX A, punto 3, del Codice contr. pubb. e deve essere, altresì, conforme al formulario di cui all'All. 2 del Regolamento comunitario n. 1564/2005.

Il Bando deve essere pubblicato su:
I) GUCE;
II) Sistema telematico acquisti regionale;
III) Profilo del committente (dopo l'invio alla GUCE);
IV) GURI (dopo l'invio alla GUCE);
V) BUR;
VI) Sito informatico dell’Osservatorio regionale sui contratti pubblici
VII) Sito informatico del Ministero delle infrastrutture e sito informatico presso l’Osservatorio dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici;
VIII) Su 2 quotidiani a diffusione nazionale e su 2 quotidiani a diffusione locale nel luogo dove si eseguono i contratti dopo 12, o 5 giorni in caso di urgenza, dalla data di invio alla GUCE (in estratto).

3. Avviso di post-informazione (art. 65 Codice contratti pubblici): deve essere pubblicato in GUCE entro 48 giorni dal decreto di aggiudicazione definitiva.

L'avviso, poi, deve essere pubblicato su:
I) Sistema telematico acquisti regionale (dopo l'invio alla GUCE, per le sole gare telematiche);
II) Profilo del committente;
III) GURI;
IV) BUR;
V) Sito del Ministero delle infrastrutture e sito informatico presso l’Osservatorio dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici;
VI) Sito informatico dell’Osservatorio regionale sui contratti pubblici;
VII) per estratto, su 2 quotidiani a diffusione nazionale e su 2 quotidiani a diffusione locale dopo 12 giorni, o 5 giorni in caso di urgenza, dalla trasmissione alla GUCE.

Come può notare, la procedura è piuttosto complessa.

Le Regioni, ad ogni modo, solitamente mettono a disposizione dei vademecum, con le istruzioni per la pubblicazione.

Non abbiamo, tuttavia, rinvenuto sul web istruzioni da parte della Regione Calabria.

Ad ogni modo, al link di seguito indicato potrà trovare un preciso vademecum pubblicato dalla Regione Toscana, che indica chiaramente come procedere per la pubblicazione di un bando di gara soprasoglia comunitaria: potrà utilizzare tali istruzioni, con i necessari adattamenti, anche per la pubblicazione di un Bando nella sua Regione di appartenenza.

https://webs.rete.toscana.it/lso/c/document_library/get_file?p_l_id=61613&folderId=61788&name=DLFE-6287.pdf