Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1083 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Determinazione della quantità d'acqua

Dispositivo dell'art. 1083 Codice civile

Quando la quantità d'acqua non è stata determinata, ma la derivazione è stata fatta per un dato scopo (1), s'intende concessa la quantità necessaria per lo scopo medesimo, e chi vi ha interesse può in ogni tempo fare stabilire la forma della derivazione in modo che ne venga assicurato l'uso necessario e impedito l'eccesso. Se però è stata determinata la forma della bocca e dell'edificio derivatore, o se, in mancanza di titolo, si è posseduta per cinque anni la derivazione in una data forma, non è ammesso reclamo delle parti, se non nel caso indicato dall'articolo precedente.

Note

(1) La finalità tiene conto delle necessità del fondo dominante al momento del venire in essere della servitù.

Spiegazione dell'art. 1083 Codice civile

Determinazione diretta e indiretta della quantità dell'acqua da derivare

La disposizione del primo comma non è che un'applicazione diversa e specifica del principio già incontrato nell' art. 1065 del c.c. per cui in mancanza di determinazione o nel dubbio circa l'estensione del contenuto della servitù, questo s'intende tale che possa soddisfare al bisogno del fondo dominante per cui fu costituita, col minor aggravio del fondo servente. Posto questo principio e la mancanza in ipotesi di una determinazione concreta della quantità d'acqua da erogare, poichè elemento oggettivo per la determinazione successiva diventa lo scopo in vista del quale la servitù fu costituita, questo medesimo scopo, determinatore della quantità dovuta, diventa anche determinatore dell'attrezzatura strumentale per cui tale quantità può essere raggiunta, e chi vi ha interesse, può, in base al valore determinante di esso, far stabilire la forma della derivazione in modo che sia assicurata la quantità necessaria e impedito l'eccesso.

Il capoverso non è precisamente la ripetizione dell' art. 1082 del c.c., ma vi si avvicina molto: l'articolo precedente prevede l'ipotesi che, determinata già la quantità d' acqua da derivare, sia inoltre convenuta in relazione ad essa o posseduta per cinque anni una determinata forma della bocca e dell'edificio derivatore. Il capoverso in questione prevede invece che non sia determinata direttamente la quantità dell'acqua, ma sia però convenuta la forma della bocca e dell'edificio derivatore, o posseduta per cinque anni la derivazione in una determinata forma. In ciò è implicitamente e indirettamente pure una determinazione della quantità dell'acqua entro i limiti di minimo e di massimo che la forma convenuta può dare. Perciò la conclusione coincide con quella dell'art. 1082, ed è l'invariabilità della forma convenuta o della derivazione posseduta, salvo che l'eccedenza o la deficienza non provengano da variazioni seguite nel canale dispensatore o nel corso delle acque in esso correnti.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Proprietà e diritti reali
    Azioni petitorie. Servitù. Possesso. Usucapione. Azione possessorie

    Collana: Il diritto privato nella giurisprudenza
    Pagine: 752
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 75,00 -5% 71,25 €

    L’opera, in 3 volumi, commenta tutta la disciplina in tema di proprietà: i singoli volumi, attraverso il raffronto analitico della giurisprudenza e della dottrina maggiormente accreditata, trattano gli istituti del corpus normativo codicistico, sia per quanto riguarda la parte sostanziale che quella processuale e previdenziale.

    Nel terzo ed ultimo volume si analizza in maniera completa ed approfondita gli istituti della prelazione, dei procedimenti ablatori,... (continua)

  • Le servitù di passaggio

    Editore: Giuffrè
    Collana: Scenari. Nuova serie
    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 34,00 -5% 32,30 €
    Categorie: Servitù

    Servitù di passaggio ovvero diritto di transitare nella proprietà altrui per poter utilizzare o godere al meglio del proprio fondo. La servitù è un diritto reale di godimento su cosa altrui. Come distinguere una servitù da una così detta servitù irregolare? Quando la servitù può dirsi volontaria e quando coattiva? Che cosa significa utilitas? Qual è l'impatto della mediaconciliazione sul procedimento giudiziario di... (continua)

  • Le servitù prediali

    Editore: Giuffrè
    Collana: Trattati
    Data di pubblicazione: aprile 2013
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €
    Categorie: Servitù

    L'opera affronta in modo completo e approfondito la tematica delle servitù prediali, tenendo conto della dottrina più attuale ed autorevole, nonché degli orientamenti giurisprudenziali più significativi e recenti. Dopo un inquadramento dell'istituto, la trattazione si sofferma sui principi generali della materia per poi analizzare nel dettaglio le diverse figure, quali: le servitù coattive, volontarie, acquistate per usucapione, le servitù di... (continua)