Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1081 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Modulo d'acqua

Dispositivo dell'art. 1081 Codice civile

Nelle servitù in cui è convenuta ed espressa una costante quantità di acqua, la quantità deve esprimersi in relazione al modulo (1).

Il modulo è l'unità di misura dell'acqua corrente.

Esso è un corpo d'acqua che scorre nella costante quantità di cento litri al minuto secondo e si divide in decimi, centesimi e millesimi.

Note

(1) Le parti possono anche riferirsi alla quantità d'acqua ricorrendo ad altre unità di misura.

Spiegazione dell'art. 1081 Codice civile

Determinazione e funzione del modulo d'acqua

Per afferrare subito il punto d'applicazione di questa norma, che nella nuova formulazione riesce un po' meno chiaro di quanto era nel precedente art. 622 del codice abrogato, bisogna rilevare che essa si riferisce non all'esercizio ma al momento costitutivo della servitù. E significa semplicemente che dovendosi costituire una servita di derivazione d'acqua per una quantità costante il mezzo tecnico da impiegarsi necessariamente per la determinazione della quantità intesa e convenuta è il modulo di acqua, che funziona da unità di misura dell'acqua corrente, col valore di cento litri al minuto secondo, diviso in decimi, centesimi e millesimi.

È una norma, perciò, che disciplina essenzialmente la formazione degli atti costitutivi delle servitù considerate (« deve in tutti gli atti esprimersi in relazione al modulo », diceva più limpidamente l'art. 622 del codice abrogato). E cosi non si parlerà, negli atti in questione, di metri cubi x, ma di x moduli, e y decimi o centesimi o millesimi di modulo.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Le servitù di passaggio

    Editore: Giuffrè
    Collana: Scenari. Nuova serie
    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 34,00 -5% 32,30 €
    Categorie: Servitù

    Servitù di passaggio ovvero diritto di transitare nella proprietà altrui per poter utilizzare o godere al meglio del proprio fondo. La servitù è un diritto reale di godimento su cosa altrui. Come distinguere una servitù da una così detta servitù irregolare? Quando la servitù può dirsi volontaria e quando coattiva? Che cosa significa utilitas? Qual è l'impatto della mediaconciliazione sul procedimento giudiziario di... (continua)