Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2774 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Crediti per concessione di acque

Dispositivo dell'art. 2774 Codice Civile

I crediti dello Stato per i canoni dovuti dai concessionari di acque pubbliche o di acque derivate da canali demaniali ovvero per i lavori eseguiti d'ufficio sono privilegiati sugli impianti, in conformità delle leggi speciali [2780 n. 3](1).

Tale privilegio, per quanto riguarda i canoni, non è opponibile ai terzi che hanno acquistato diritti sugli immobili anteriormente all'atto di concessione o, trattandosi di crediti per lavori, anteriormente al sorgere dei crediti stessi.

Note

(1) Si vedano l'art. 39, R. D. 11 dicembre 1933, n. 1775 (T. U. acque pubbliche) e l'art. 23, R. D. 3 maggio 1937, n. 899 (Disposizioni regolamentari sui canali demaniali).

Ratio Legis

La norma in esame è finalizzata all'attribuzione di privilegi ai crediti dei concessionari di acque pubbliche o demaniali, il quale però non risulta opponibile ai terzi che abbiano acquisito sugli immobili stessi diritti in un momento anteriore alla stipula dell'atto di concessione o al sorgere dei crediti medesimi.

Spiegazione dell'art. 2774 Codice Civile

Crediti garantiti dal privilegio. Rinvio alle leggi speciali

Per rendersi conto di questo privilegio, del quale il codice del 1865 non faceva alcun cenno, bisogna far capo alle leggi speciali che lo hanno creato, e precisamente al T. U. delle leggi sulle acque e sugli impianti elettrici, approvato con R. D. rz dicembre 1933, n. 1 775 e al­l'altro R. D. 3 maggio 1937, n. 899, contenente disposizioni regolamen­tari per i canali demaniali. Il primo, nell'art. 39, dispone che «i credit!. dello Stato (relativi alle concessioni di acque pubbliche) per canoni demaniali, per lavori eseguiti d'ufficio e per qualunque altro ricupero: sono privilegiati su tutti gli impianti relativi alla concessione, compresi quelli che, al termine della concessione, non passano gratuitamente allo Stato ». Tale privilegio poi, ai sensi del 2 comma dello stesso arti­colo, «prende grado subito dopo quello sancito dall'art. 1962 del codice civile ».

Inoltre va tenuto presente il successivo art. 68, ult. comma, il quale, per il caso che vengano costituiti dei consorzi per la utilizzazione del­l'acqua pubblica, dispone che «le quote consorziali (dovute dai singoli utenti del consorzio in conformità del piano di riparto formato a termini dello stesso articolo) sono assistite da privilegio che prende grado dopo quello stabilito dal precedente art. 39 e sono riscosse con le norme e le forme stabilite per la esazione delle imposte dirette ».

A sua volta, il R. D. 3 maggio 1937, nell'art. 23 dopo avere stabilito le modalità di riscossione dei canoni per le acque dispensate dai canali demaniali per usi irrigui ed agricoli in genere, dispone nell'ultimo com­ma che “I crediti dello Stato sono assistiti dal privilegio sancito dall'arti­colo 39, I0 e 20 comma del testo unico delle leggi sulle acque e sugli impianti elettrici”.

Il codice ha inteso di richiamare, con la più sintetica formola del primo comma, riservandosi di stabilire poi, col successivo art. 278o, il grado che compete al relativo privilegio quando viene in concorso con gli altri privilegi immobiliari previsti nello stesso codice. Il concorso, invece, fra più crediti privilegiati previsti nelle leggi suddette, è regolato dalle leggi medesime, per le quali i crediti di cui agli articoli 39 T. U. II di­cembre 1933 e 23 R. D. 3 maggio 1937 concorrono fra loro in egual modo, mentre quelli di cui agli articoli 68 e 83 dello stesso T. U. I di­cembre 1933, vengono collocati dopo di essi.

Nessuna formalità si richiede dalle leggi suddette per la costituzione di questo gruppo di privilegi.


Con­flitto con i diritti dei terzi

Importante è la disposizione del secondo comma dell'articolo in esame, che, in previsione del conflitto di questo privilegio con i diritti acquistati anteriormente dai terzi, dà la preferenza a questi ultimi ; riferendosi, per la determinazione dell'anteriorità del diritto del terzo, alla data della concessione, se si tratta di canoni, ed alla data del sor­gere del credito, se si tratta di lavori.

Fra i diritti suddetti vanno comprese anche le ipoteche : e, per questa parte, il privilegio fa eccezione alla norma dell'art. 2748, 2° comma. Invece il privilegio prevale sempre sui diritti che i terzi avessero acquistato posteriormente.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I privilegi

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 272
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 38 €
    Categorie: Privilegi
    Il volume, dopo una breve disamina delle problematiche connesse alla responsabilitÓ patrimoniale in generale ed alla individuazione del patrimonio su cui ricadono le conseguenze dell'inadempimento dell'obbligazione, si occupa dei privilegi del credito quale causa legittima di prelazione. Premessa la distinzione tra i diversi tipi di privilegi, vengono, inoltre, affrontati i temi relativi alla individuazione del credito privilegiato e dei suoi accessori, alla determinazione dell'oggetto del... (continua)