Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2773 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Crediti dei comuni e delle province per tributi

[ABROGATO]

Dispositivo dell'art. 2773 Codice Civile

Articolo abrogato dall'art. 9, L. 29 luglio 1975, n. 426.

[I crediti dei comuni e delle province per i tributi previsti dalla legge per la finanza locale hanno privilegio sopra gli immobili ai quali i tributi stessi si riferiscono.

Il privilegio non è opponibile ai terzi che hanno acquistato anteriormente diritti sugli immobili.]

Spiegazione dell'art. 2773 Codice Civile

Crediti protetti dal privilegio. Rinvio alla legge sulla finanza locale

Il codice del 1865 non si occupava di questo privilegio, ma il T. U. delle leggi sulla finanza locale 14 settembre 1931, n. 1175, nell'art. 298, disponeva: “per la riscossione delle imposte, tasse e contributi previsti dal presente testo unico s'intendono estesi a favore dei comuni e delle provincie i privilegi stabiliti dagli articoli 1962 e segg. del codice civile.... subordinatamente ai diritti spettanti allo Stato....”. Ora scopo dell'articolo in esame è stato precisamente quello di richia­mare nel codice detto privilegio, al quale ha dato però una figura auto­noma, regolandone poi, nel successivo art. 278o, il grado. Così viene anche eliminato il dubbio cui poteva dar luogo la legge speciale che, richiamando l'art. 1962 del codice, non specificava se il richiamo si riferisse al primo comma (tributo fondiario) od ai commi successivi (tributi indiretti). Il trattamento che gli viene fatto dall'articolo in esame col disporre, nel capoverso, ch'esso non è opponibile ai terzi che abbiano acquistato anteriormente diritti sull'immobile, lo riaccosta, e corretta­mente, al privilegio concesso ai tributi indiretti dello Stato dall'arti­colo 2772, al commento del quale perciò ci rimettiamo per quanto ri­flette l'illustrazione dell'articolo in discorso.

Avvertiamo infine che il termine più comprensivo di tributi usato nell'art. 2773, in confronto alla locuzione più analitica di imposte, tasse e contributi, di cui alla legge speciale, vuol riferirsi a tutte tali categorie di imposizioni, come abbiamo già avuto occasione di rile­vare nel commento dell'art. 2752. Per la specifica indicazione, poi, di tali tributi bisogna far capo alla legge sulle finanze locali.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I privilegi

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 272
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 38 €
    Categorie: Privilegi
    Il volume, dopo una breve disamina delle problematiche connesse alla responsabilità patrimoniale in generale ed alla individuazione del patrimonio su cui ricadono le conseguenze dell'inadempimento dell'obbligazione, si occupa dei privilegi del credito quale causa legittima di prelazione. Premessa la distinzione tra i diversi tipi di privilegi, vengono, inoltre, affrontati i temi relativi alla individuazione del credito privilegiato e dei suoi accessori, alla determinazione dell'oggetto del... (continua)