Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2582 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 31/08/2021]

Ritiro dell'opera dal commercio

Dispositivo dell'art. 2582 Codice Civile

L'autore, qualora concorrano gravi ragioni morali, ha diritto di ritirare l'opera dal commercio [2579], salvo l'obbligo d'indennizzare coloro che hanno acquistato i diritti di riprodurre, diffondere, eseguire, rappresentare o mettere in commercio l'opera medesima.

Questo diritto è personale e intrasmissibile.

Ratio Legis

Viene disciplinato il cd. diritto di pentimento, particolare manifestazione del profilo morale del diritto d'autore volto a tutelare gli interessi personali e ideali dell'autore nei confronti di chi abbia acquistato diritti di utilizzazione economica sull'opera.
La disposizione è suscettibile d'essere applicata estensivamente al caso in cui l'autore abbia ceduto i diritti di utilizzazione ma l'opera non sia stata ancora pubblicata.

Spiegazione dell'art. 2582 Codice Civile

L'articolo in commento prevede il cd. diritto al pentimento, il cui esercizio è disciplinato dettagliatamente negli artt. 142 e 143 l. n. 633/1941. Il diritto di pentimento spetta a maggior ragione all'autore anche prima che la stessa sia stata messa in commercio (Santini).
Il riferimento alle gravi ragioni morali deve essere inteso nel suo significato più ampio, comprendente motivi d'ordine etico, intellettuale, politico e religioso. Le gravi ragioni morali possono costituire oggetto di sindacato da parte del giudice e non è perciò sufficiente la dichiarazione dell'autore attestante la loro esistenza (Santini).

In tema di tutela del diritto d'autore sulle opere letterarie e artistiche, il diritto esclusivo di riproduzione (art. 13 l. n. 633/1941) ha per oggetto la moltiplicazione delle opere in copie e quello esclusivo di messa in commercio (art. 17 l. n. 633/1941) riguarda il primo atto d'immissione in circolazione, a profitto dell'autore, degli esemplari dell'opere, senza divieto dell'ulteriore loro commercio. Pertanto — a meno che l'autore non abbia esercitato il diritto di ritiro dal commercio degli esemplari lecitamente riprodotti — il commercio dell'opera integra una lesione del diritto d'autore solo se è collegato al primo atto di messa in commercio, compiuto, a proprio profitto, dell'abusivo riproduttore dell'opere medesime (Cass. n. 3353/1999).

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto