Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2010 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Girata condizionale o parziale

Dispositivo dell'art. 2010 Codice civile

Qualsiasi condizione apposta alla girata si ha come non scritta [16 l. camb.1; 18 comma 1 l.ass.].

È nulla la girata parziale [16 l.camb.; 18 comma 2 l.ass.].

Ratio Legis

Il titolo di credito contiene una promessa unilaterale di pagamento o un ordine di pagamento costituiti dalla volontà del debitore: quindi, nessun girante successivo ad egli può incidervi, apponendo una condizione o stabilendo che la girata sia solo parziale.

Spiegazione dell'art. 2010 Codice civile

La girata condizionale in materia cambiaria…

Per precise disposizioni di legge, sia l'ordine di pagare contenuto nella cambiale, sia la promessa di pagare, contenuta nel vaglia cambiario, sia l’accettazione della cambiale debbono essere « incondizionati » (art. 1, n. 2, art. 100, n. 2 e 31, 1 comma, Legge camb.), perché l’apposizione di condizioni in senso tecnico è ritenuta, in generale, incompatibile con la natura della dichiarazione cambiaria e, pertanto, l’inosservanza di tali disposizioni importa la sanzione della nullità, cioè la condizione vitiatur et vitiat, e, nei primi due casi, il titolo, rispettivamente, «non vale come cambiale» (art. 2,1 comma, Legge camb.) e «come vaglia cambiario» (art. 101, 1 comma Legge camb.),e, nell'ultimo caso, « la modificazione apportata nell'accettazione al tenore della cambiale equivale a rifiuto di accettazione.... » (art. 31, 2° comma, Legge Camb.).

Viceversa, benché il contenuto del tipo legale del negozio cambiarlo di girata sia fissato inderogabilmente, e, quindi, anche tale negozio debba essere « incondizionato » (art. 16, to comma Legge camb.), — la girata condizionata non è nulla, bensì la condizione vitiatur sed non vitiat, ossia « si ha per non scritta » (art. 16, 1 comma testé cit.); e questa norma eccezionale, secondo la dottrina dominante, è determinata dalla esigenza di non ostacolare la circolazione oltre il necessario, cioè dal c. d. favore della circolazione, nel senso che, nell'interesse di questa, l'ordinamento giuridico scinde, nella girata, l'elemento « condizione » dagli altri elementi negoziali, e impone al girante un negozio puro e semplice, in luogo del negozio condizionato da lui voluto.


ed in materia di titoli all'ordine in generale: il fondamenta della disciplina giuridica eccezionale di questo negozio cartolare. In particolare, l'ambito del concetto di «condizione»

Per ragioni analoghe, anche in materia di titoli all' ordine in gene­rale, « qualsiasi condizione apposta alla girata si ha come non scritta » (art. 2010 del c.c., 1 comma, Cod. civ.).

E, come in materia cambiaria, deve intendersi qui per « condizione » non solo la condizione in senso proprio (sospensiva o risolutiva), ma altresì qualsiasi modificazione del tipo legale della girata, quale il termine (iniziale o finale), o modus.


La girata parziale in materia cambiaria, ed in materia di titoli all’ordine in generale: il fondamento della nullità di tale girata

Tanto in materia cambiaria che in materia di titoli all'ordine in generale, « è nulla la girata parziale », cioè la girata con cui il dichiarante intende trasferire il diritto cartolare solamente per una parte del contenuto di tale diritto (art. 16, 2 comma Legge camb., e 2010, 2° comma).

In proposito, con riguardo alla materia cambiaria, ma con argomen­tazioni bene riferibili anche alla materia dei titoli all'ordine, si è esatta­mente affermato che il divieto della girata parziale si fonda sul principio della indivisibilità della investitura, nel senso che « quando si vuole una investítura nei diritti cartolari, si deve volerla per la totalità, tanto più che l'inve­stitura, presuppone il possesso del titolo, il quale non può essere attribuito soltanto per una parte ». E, pure esattamente, si è aggiunto che « qui la sanzione consiste nella nullità del negozio, dato che la legge intende, si, quanto occorra, riconoscendo un negozio di contenuto diverso da quello voluto dal dichiarante, sovrapporsi afta volontà privata in ordine alle mo­dalità del trasferimento, ma non addirittura in ordine all'oggetto del trasferimento stesso ».


Casi non rientranti nella figura giuridica della girata parziale

È pacifica e giustificata la teoria per cui è ritenuta valida, per non essere una girata parziale a norma di legge, la girata che, essendo già parzialmente estinto il credito cartolare (ad es., per pagamento o rimessione par­ziale), venga operata per la parte residua.

È parimenti giustificata l'opinione per cui nel divieto della girata parziale non deve essere compreso anche il divieto di una girata a favore di più persone, perchè in questo caso che è perfetta­mente analogo a quello di un titolo emesso a favore di più prenditori, nè il titolo, nè i diritti cartolari vengono divisi, dovendo tutti i giratari esercitare congiunta­mente tali diritti.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Commentario del codice civile. Delle promesse unilaterali, dei titoli di credito. Artt. 1987- 2027. Leggi collegate

    Pagine: 672
    Data di pubblicazione: novembre 2015
    Prezzo: 100,00 -5% 95,00 €

    Il volume "Dei titoli di credito", coordinato dal prof. Raffaele Lener, è un autorevole commento, articolo per articolo, alla disciplina codicistica regolata dagli artt. 1992- 2027 e alle disposizioni di riferimento contenute nel Testo Unico della Finanza. Nell'opera il professionista trova un'analisi approfondita delle disposizioni di ciascun articolo del codice civile, unitamente ad una panoramica degli spunti più interessanti per la pratica professionale offerti dalla... (continua)

  • Trattato di diritto civile [vol. 3]

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: dicembre 2014
    Prezzo: 90,00 -5% 85,50 €

    Aggiornamento a cura di Nadia Zorzi Galgano

    La nuova edizione del Trattato, mantiene la tanto apprezzata impostazione delle precedenti edizioni con una completa trattazione dell’intero diritto civile e commerciale.

    L'opera è un autorevole strumento destinato ai professionisti del diritto – docenti, avvocati, magistrati, notai – oltre che ai laureati che si accingono ad affrontare gli esami di ammissione alle relative carriere.

    L’obiettivo... (continua)

  • I titoli all'ordine. Artt. 2008-2020

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: gennaio 2014
    Prezzo: 50,00 -5% 47,50 €
    Categorie: Titoli di credito

    La terza edizione del volume del "Commentario" dedicato ai titoli all'ordine, pubblicata a quasi un decennio di distanza dalla precedente e dalla scomparsa del suo autore, si è resa opportuna soprattutto per poter dar conto, da un lato, delle modifiche normative correlate nel frattempo intervenute (si pensi ad esempio alla riforma della disciplina antiriciclaggio e di quella in materia di cambiali finanziarie) e, all'altro, della naturale evoluzione del dibattito dottrinale e degli... (continua)

  • Trattario di diritto civile. Titoli di credito, gestione di affari, ripetizione di indebito, arricchimento

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: novembre 2014
    Prezzo: 89,00 -5% 84,55 €

    Il "Trattario": un nuovo modello editoriale per valorizzare al meglio le opportunità e per sfuggire agli inconvenienti che sono propri dei due generi più diffusi nella tradizione letteraria del diritto privato, il Trattato e il Commentario. Ogni capitolo dell'opera si apre con rubriche (Inquadramento, Novità, Applicazioni, Profili processuali, Quesiti e soluzioni) che semplificano punto per punto l'approccio al testo, a beneficio del lettore. Segue il Commento di... (continua)