Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 381 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/09/2020]

Cauzione

Dispositivo dell'art. 381 Codice Civile

Il giudice tutelare, tenuto conto della particolare natura ed entità del patrimonio, può imporre al tutore di prestare una cauzione(1), determinandone l'ammontare e le modalità.

Egli può anche liberare il tutore in tutto o in parte dalla cauzione che avesse prestata.

Note

(1) Unitamente alla redazione dell'inventario (di cui all'art. 362 del c.c.), la prestazione della cauzione è uno dei due atti preliminari avente funzione cautelativa.

Ratio Legis

La ratio della norma consiste nel porre una efficace tutela per il minore qualora la mala gestio patrimoniale del tutore si riveli perniciosa.

Brocardi

Satisdatio rem pupilli salvam fore

Spiegazione dell'art. 381 Codice Civile

La prestazione della cauzione è solo eventuale poiché l'imposizione di essa dipende dal potere discrezionale del giudice tutelare: egli, infatti, tenuto conto della particolare natura ed entità del patrimonio del minore, può imporre al tutore di prestare una cauzione, determinandone l'ammontare e le modalità. Non solo, ma nel corso della tutela, può il giudice tutelare liberare il tutore in tutto o in parte dalla cauzione prestata. Il nuovo codice ha abolito l'ipoteca legale di cui agli articoli #292#, #293# e #1969#, n. 3 del codice del 1865, ed ha anche attenuato l'obbligo di prestare la cauzione, che nasceva dalla legge (e non dal provvedimento dell'organo direttivo), e solo ammetteva la dispensa legale, per l'avo paterno o materno, o con deliberazione del consiglio di famiglia omologata dal tribunale, rispetto ad ogni altra persona.
La diminuzione delle accennate cautele, si spiega con riferimento alla intensificazione dell'attività di direzione e di controllo che nel nuovo sistema esplica il giudice tutelare.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Tutela ed amministrazione di sostegno

    Editore: CEDAM
    Collana: Biblioteca del diritto di famiglia
    Pagine: 412
    Data di pubblicazione: marzo 2012
    Prezzo: 42,00 -5% 39,90 €

    Il tema della tutela delle persone prive in tutto o in parte di autonomia è disciplinata dal 2004, dalla riforma dell’amministrazione di sostegno.

    Promotori di tale riforma sono stati, in particolare, i soggetti che si occupavano “sul campo” di questa materia. Le loro istanze sono state recepite dal mondo degli studiosi e da quesi ultimi trasmesse ai politici deputati a tradurle in disposizioni di legge.

    La riforma dell’amministrazione di... (continua)