Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 353 Codice Civile 2020

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Domanda di dispensa

Dispositivo dell'art. 353 Codice Civile 2020

La domanda di dispensa(1) per le cause indicate nell'articolo precedente deve essere presentata al giudice tutelare [344] prima della prestazione del giuramento [349], salvo che la causa di dispensa sia sopravvenuta(2).

Il tutore è tenuto ad assumere e a mantenere l'ufficio fino a quando la tutela non sia stata conferita ad altra persona [360].

Note

(1) Come già delineato nelle note n. 2) dei precedenti artt. 351 e 352 c.c., la dispensa, nei casi previsti dall'art. 351, opera automaticamente mentre nei casi dell'articolo precedente dovrà essere presentata al giudice tutelare prima della prestazione del giuramento.
(2) E' questa l'unica eccezione alla presentazione della domanda esclusivamente prima del giuramento: quando temporalmente sopravviene la causa di dispensa, si realizzano i presupposti per la domanda di esenzione dall'ufficio.

Ratio Legis

La tutela è un ufficio irrinunciabile, salvi i casi in cui - secondo tali norme di carattere eccezionale - la dispensa operi legalmente o la stessa possa essere chiesta.

Spiegazione dell'art. 353 Codice Civile 2020

Questi articoli disciplinano l'istituto della dispensa, al quale il codice del 1865 dedicava tutta la V Sezione del Titolo IX, intitolata appunto "Delle cause di dispensa dagli uffici di tutore e protutore".
L'istituto della dispensa, come viene configurato dal nuovo codice, si differenzia sostanzialmente da quello regolato dal codice del 1865.
Intanto si sono mantenute le due forme di dispensa: legale e facoltativa su provvedimento (ora del giudice tutelare).
Godono di dispensa de iure, nel senso che non devono essere prescelte o nominate ad ufficio tutelare, salvo che non presentino al giudice tutelare la rinunzia alla dispensa, le persone appartenenti alle categorie enumerate nell'art. 351. Questa dispensa de iure non configura una ipotesi di incapacità all'ufficio tutelare od altro impedimento oggettivo, ma costituisce un diritto che viene concesso a particolari personalità, in rapporto alla loro posizione e che si presume esercitato fino a prova contraria (rinunzia).
Godono della dispensa su richiesta i soggetti considerati nell'art. 352, e la dispensa ha luogo dietro provvedimento del giudice tutelare: tale provvedimento non è discrezionale, ma fondato su di un diritto soggettivo di colui che lo domanda. La differenza tra l'art. 351 e l'art. 352 consiste allora unicamente in ciò: in entrambe le ipotesi considerate da questi due articoli si riconosce un diritto alla dispensa, ma per le persone considerate nell'art. 351 la dispensa ha luogo immediatamente, mentre per le persone considerate dall'art. 352 deve essere richiesta dall'interessato e dichiarata dal giudice tutelare. Tale distinzione è però fonte di ulteriori differenze particolarmente rilevanti.
La dispensa legale infatti impedisce la costituzione del rapporto, ostacolando la nomina; la dispensa facoltativa tende invece a sciogliere il rapporto già costituito: ne consegue che il tutore già nominato è tenuto ad assumere l'ufficio e a mantenerlo fino a quando non sia stata nominata un'altra persona.
La domanda di dispensa deve essere presentata al giudice tutelare che deve provvedere. Se la domanda però non è presentata prima della prestazione del giuramento, s'intende che la persona designata abbia irrevocabilmente rinunziato o sia decaduta dal beneficio della dispensa. La dispensa può essere chiesta dopo la prestazione del giuramento, se la causa su cui si fonda è sopravvenuta.
Presenta particolare interesse considerare il n. 6) dell'art. 352, che riguarda la dispensa su domanda per chi ha più di tre figli minori, poiché vi si ricollegano diverse questioni.
È da notare innanzitutto come l' art. #273# codice del 1865 concedesse la dispensa su domanda al padre di cinque figli viventi, computando a tal fine nel numero dei figli viventi anche quelli morti in attività di servizio nell'esercito nazionale di terra o di mare. Adesso da una parte si è ristretto il numero dei figli, essendo sufficienti più di tre figli minori, e dall'altra, essendosi il legislatore preoccupato unicamente delle cure imposte dall'esercizio della responsabilità genitoriale sui figli minori, non viene riprodotto l'inciso dell'art. 273.
Le cause di dispensa previste dagli articoli 351 e 352 si possono verificare, tranne qualcuna, dopo che sia avvenuta l'investitura definitiva nell'ufficio di tutela: in tal caso sorge nel tutore il diritto alla dispensa successiva, e questa ha luogo automaticamente per le persone considerate nell'art. 351, a meno che non si abbia una rinunzia espressa, mentre per le persone considerate nell'art. 352 la dispensa deve essere pronunziata dal giudice tutelare su richiesta dell'interessato: il non proporre domanda di dispensa costituisce quindi in quest'ultimo caso rinunzia al relativo diritto.
Le cause indicate negli articoli 351 e 352 sono tassative, e quindi al di fuori delle ipotesi considerate in questi articoli non si può chiedere la dispensa; a differenza di quanto avveniva sotto il regime del codice del 1865, in cui veniva riconosciuta una terza specie di dispensa, nei confronti della quale non era concesso alcun diritto, ma solo si dava al consiglio di famiglia la possibilità di accordarla su richiesta dell'interessato (art. #276#). Di questa terza specie di dispensa mancano le tracce nel Libro I, in armonia alla maggiore intensità del carattere di obbligatorietà dell'ufficio di tutela.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Amministrazione di sostegno, interdizione, inabilitazione

    Editore: CEDAM
    Collana: Il diritto applicato
    Pagine: 1498
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 99,00 -5% 94,05 €

    Amministrazione di sostegno, interdizione, inabilitazione: queste le declinazioni degli strumenti di protezione dell’incapace, all’indomani dell’entrata in vigore, nel nostro ordinamento, della legge n. 6/2004.

    Questi gli istituti sui quali – all’interno di un trattato unico per la completezza e per l’attenzione riservata all’analisi dottrinale e giurisprudenziale – si confrontano giuristi dalle diverse professionalità... (continua)