... ...
Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

Senatus

Traduzione

Senato

Spiegazione

Nell'antica Roma, il senato era la camera degli aristocratici in cui sedevano i capi del patriziato e gli ex-magistrati. I membri dell'ordine senatorio avevano una serie di prerogative: il diritto di fregiarsi di un anello d'oro e di una toga bordata di porpora (laticlavium). Nella prima età repubblicana, il senato deteneva la sovranità all'interno dello Stato, controllando di fatto i tre poteri: legislativo, esecutivo e giudiziario. Tramite la propria auctoritas, esso sovrintendeva all'emanazione delle leggi, bloccando come anticostituzionali tutti i provvedimenti di contenuto democratico. La funzione legislativa svolta dal senato trovava il suo coronamento nell'emanazione di decreti propri. Tramite il proprio consiglio, invece, esso controllava l'operato dei magistrati cui erano demandate le mansioni esecutive e giudiziarie. Questa funzione trovava il suo coronamento nella prassi dell'interregnum: in assenza dei magistrati supremi, era il senato a esercitare il potere esecutivo. Inoltre, a Roma come nell'antica Grecia, erano tratti dal senato i giudici dei tribunali penali: il che garantiva a quest'organo il controllo della giurisdizione criminale. La composizione di classe del senato andò mutando a partire dal IV secolo a.C., quando entrarono a far parte di esso ex-magistrati di estrazione plebea. Dopo le guerre puniche, il senato non fu più composto dai membri dell'aristocrazia, ma dai componenti di una nuova nobiltà, in parte patrizi, in parte plebei ricchi. Ciò nonostante, anche al tempo delle guerre civili il senato ebbe un ruolo sostanzialmente conservatore e antidemocratico, favorendo Siila contro Mario, e Pompeo contro Cesare. Nell'età del principato cominciò il declino di quest'organo, di volta in volta rispettato dagli imperatori più legalitari e disprezzato dagli imperatori più autoritari. Infine, nell'età del dominato, esso si ridusse a un'accolta di cortigiani, consiglieri del sovrano. La Costituzione italiana repubblicana prescrive che il numero dei senatori elettivi è di 315 (il senato romano aveva in origine 300 membri, che furono portati a 600 da Siila e a 900 da Cesare). Conformemente alle consuetudini della repubblica romana, gli ex-capi dello Stato sono nominati senatori di diritto e a vita.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Senato"

  • Partecipazioni pubbliche e governo societario

    Editore: Giappichelli
    Collana: Diritto dell'economia
    Pagine: 336
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 42,00 -5% 39,90 €
    Il volume offre un contributo allo studio della disciplina società a partecipazione pubblica. Come è noto, col testo unico approvato nell'agosto del 2016 (d.lgs. 19 agosto 2016, n. 175), il legislatore ha inteso riordinare il frammentario quadro normativo in materia. Un quadro, frutto di interventi normativi con finalità eterogenee e spesso poco attenti al dato sistematico, che sembra avere spesso favorito o almeno consentito dinamiche poco virtuose di quel dualismo... (continua)
  • Per un «diverso» Stato sociale. La parabola del diritto all'istruzione nel nostro Paese

    Editore: Il Mulino
    Collana: Fondazione per la scuola Compagnia San Paolo
    Pagine: 274
    Data di pubblicazione: novembre 2019
    Prezzo: 21,00 -5% 19,95 €
    La parabola del diritto all'istruzione nel nostro Paese è una chiave di lettura assai significativa delle vicende che hanno caratterizzato lo Stato sociale. Poste a cardine della nascita dello Stato unitario, le politiche dell'istruzione riacquisirono centralità dopo le due guerre mondiali, per poi subire, dagli anni Settanta, una netta perdita di importanza, i cui esiti si evidenziano oggi in tutta la loro gravità. Come ha sottolineato Ritter, il tema dello Stato sociale... (continua)
  • Il nuovo testo unico degli enti locali. Con annotazioni e rimandi giurisprudenziali

    Pagine: 428
    Data di pubblicazione: marzo 2019
    Prezzo: 27,00 -5% 25,65 €
    Categorie: Enti locali
    Il D.Lgs. n. 267/2000 nasce quale corpus normativo omogeneo delle disposizioni riguardanti le Autonomie Locali. Assume la forma del Testo Unico innovativo in quanto il legislatore ha effettuato una ricognizione ed un riordino delle disposizioni vigenti. Per dare maggior efficacia alle disposizioni contenute, l'articolo 1, mediante richiamo alla norma costituzionale, pone l'accento sulla impossibilità da parte delle leggi di introdurre deroghe al TUEL se non mediante espressa... (continua)
  • Compendio di istituzioni di diritto pubblico. Con aggiornamento online

    Autore: Bray Michele
    Collana: I compendi d'autore
    Data di pubblicazione: marzo 2019
    Prezzo: 20,00 -5% 19,00 €
    Categorie: Diritto pubblico
    La Collana "I Compendi d'Autore" si indirizza agli studenti universitari, ai candidati a concorsi pubblici o ad esami di abilitazione professionale e in generale a tutti coloro che si apprestano ad affrontare una prova orale. In questa edizione si è proceduto ad un rinnovamento radicale dei volumi al fine di soddisfare al meglio le esigenze di chi ha poco tempo a disposizione per preparare la prova e incontra difficoltà per l'elevato numero di nozioni (anche di materie diverse... (continua)
  • I porti italiani e l'Europa. Un'analisi delle regole, della giurisprudenza e della prassi amministrativa per operatori pubblici e privati

    Editore: Franco Angeli
    Collana: Diritto per l'economia
    Pagine: 288
    Data di pubblicazione: aprile 2019
    Prezzo: 36 €
    Il volume analizza la disciplina dei porti dall'angolo visuale europeo e nazionale, e si concentra in particolare sulla natura dei porti come "beni" e infrastrutture pubbliche, al cui interno le imprese operano sulla base di diversi livelli di regolazione. In questa disamina, superando definitivamente l'approccio del porto come... un mercato a sé, gli autori sviluppano una concezione di porto come snodo di una ben più complessa filiera logistica, solo relativamente alla quale... (continua)
  • Roma e le sue istituzioni dalle origini a Giustiniano

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: aprile 2019
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Diritto romano
    "Questo volume nell'intenzione degli autori è stato pensato e scritto anche in funzione degli studenti di corsi di laurea in scienze umanistiche, i quali notoriamente possiedono una sufficiente conoscenza della storia del mondo romano e delle sue svariate manifestazioni, ma per converso non hanno la possibilità, offerta dal complesso dell'ordinamento accademico, di inquadrare i dati storiografici in un contesto di nozioni giuridiche". (Dalla prefazione) (continua)
  • La riforma del terzo settore

    Collana: Non profit
    Pagine: 394
    Data di pubblicazione: maggio 2019
    Prezzo: 44,00 -5% 41,80 €
    Categorie: Terzo settore
    Il volume, partendo dall'esame della normativa, analizza - in maniera sintetica e schematica, ma altrettanto esaustiva - le novità che la riforma propone in ciascun ambito di intervento, evidenziando le modifiche disciplinari e le conseguenze operative, anche grazie all'uso di tabelle riepilogative, grafici, esempi e tavole sinottiche. (continua)
  • Actio pecuniae traiecticiae. Contributo alla dottrina delle clausole penali

    Collana: Collana della Rivista di Diritto Romano
    Pagine: 174
    Data di pubblicazione: marzo 2019
    Prezzo: 32,00 -5% 30,40 €
    Categorie: Diritto romano
    Biscardi perseguì una conglobante visione unitaria dei diversi aspetti del diritto, capace di spaziare dalla Grecia arcaica e dall'ordinamento attico, passando per il contesto ellenistico e la relativa documentazione papiracea, al diritto romano di età arcaica e classica sino al periodo postclassico e bizantino, nonché di spingersi sovente fino al diritto moderno e contemporaneo. Nella prima edizione del volume, egli enuncia una nuova teoria relativa alla difesa... (continua)
  • Manuale di diritto privato romano

    Autore: Petrucci Aldo
    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: marzo 2019
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    "Pubblico il presente lavoro senza particolari pretese, se non quelle di essere uno strumento che possa in qualche modo agevolare gli studenti della seconda decade del XXI secolo nella comprensione di un fenomeno così importante, complesso ed affascinante come il diritto privato romano. Come base ho utilizzato il mio precedente testo Lezioni di diritto privato romano, pubblicato nel 2015, di cui ho voluto conservare il carattere di versione scritta delle lezioni di Istituzioni di... (continua)

→ Altri libri su Senato ←