Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

Par condicio creditorum

Traduzione

Pari condizione dei creditori

Spiegazione

I creditori hanno eguale diritto di essere soddisfatti sui beni del debitore, salve le cause legittime di prelazione (privilegi, pegno e ipoteca). II principio trova piena attuazione nella procedura fallimentare, poiché questa coinvolge necessariamente tutti i creditori, che non possono far valere individualmente le loro pretese.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Pari condizione dei creditori"

  • I rapporti pendenti nel fallimento e nelle soluzioni concordate di crisi

    Collana: Diritto delle crisi delle imprese
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 59,00 -5% 56,05 €
    L'opera muove dalla legge 19 ottobre 2017, n. 155 di delega al Governo, per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza che ha previsto, in generale, la riduzione dei "costi delle procedure concorsuali, anche attraverso misure di responsabilizzazione degli organi di gestione e di contenimento delle ipotesi di prededuzione", che potranno avere rilievo con riferimento ai rapporti pendenti. Nell'attuarne la regolamentazione il legislatore ha individuato una... (continua)
  • Sovraindebitamento e rapporto obbligatorio

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 29,00 -5% 27,55 €
    L'introduzione della normativa sulla c.d. composizione della crisi da sovraindebitamento (l. 27 gennaio 2012, n. 2, e successive m. e i.) - sebbene avvenuta nel momento culminante della grave crisi che (a livello macroeconomico) ha colpito le economie mondiali - in realtà allinea l'ordinamento italiano a numerose altre esperienze giuridiche, che da tempo conoscono e disciplinano la c.d. "insolvenza civile". La previsione dell'assoggettamento ad una procedura concorsuale (rectius: ad... (continua)
  • Interesse alla prestazione e prevedibilità del danno

    Editore: Giappichelli
    Collana: Modelli e rimedi
    Data di pubblicazione: novembre 2018
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    L'art. 1225 c.c. limita il danno risarcibile in caso di inadempimento a quello prevedibile al tempo in cui è sorta l'obbligazione. Sebbene presente nella gran parte degli ordinamenti occidentali, questa regola è stata a lungo trascurata in dottrina, da molti considerata una ripetizione del criterio delle "conseguenze immediate e dirette" (art. 1223 c.c.) e, da altri, un'eccezione a detto criterio difficile da decifrare. La genesi della norma permette di individuarne la funzione... (continua)
  • Il nuovo codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza

    Editore: Giuffrè
    Collana: Speciali. Il civilista
    Pagine: 98
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 19,00 -5% 18,05 €
    Il decreto legislativo 12 gennaio 2019, n. 14, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 14 febbraio 2019, n. 38 ed emanato in attuazione della legge delega n. 155/2017, racchiude il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza, destinato a soppiantare definitivamente il R.D. 16 marzo 1942, n. 267, il quale conteneva la "Disciplina del fallimento, del concordato preventivo, dell'amministrazione controllata e della liquidazione coatta amministrativa". L'autore continua l'analisi del nuovo... (continua)

→ Altri libri su Pari condizione dei creditori ←