Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

In claris non fit interpretatio

Traduzione

Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione

Spiegazione

Il latinetto espone il principio per il quale non sarebbe necessario interpretare le norme non oscure, dall'evidente significato In realtà, il giudice è tenuto a interpretare tutte le disposizioni, legislative e contrattuali, e in particolare, dovrà operare una interpretazione sistematica, che tenga conto dell'esistenza di altre norme oltre a quella oggetto dell'operazione ermeneutica. Anche in diritto romano il principio risultava non incontestabile: secondo Ulpiano, infatti, l'interpretazione è sempre necessaria, in quanto un testo di legge (od una disposizione contrattuale) è una fredda successione di parole che devono essere adattate al caso concreto.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione"

  • Del giurista interprete. Linguaggio, tecniche e dottrine

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 38,00 -10% 34,20 €

    "In questo lavoro ho sperimentato un modo diverso di praticare la teoria del diritto. Determinante è stata la sensazione che le usuali trattazioni dei teorici, le quali appiattiscono i problemi esegetici su un orizzonte atemporale, come se si trattasse di problemi logici, fossero inadeguate a per le meno bisognose di completamento. Il rimedio al difetto da me lamentato è presto detto: è consistito nell'individuare storicamente i modelli da sottoporre ad analisi... (continua)

  • Le regole del gioco. Itinerari giuridici della modernità

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €

    Il volume raccoglie una serie di saggi dedicati agli argomenti di cui l'autore si è occupato negli ultimi anni, prevalentemente l'interpretazione giuridica, le codificazioni, le proprietà collettive, il contratto d'opera e l'appalto. Il titolo è evocativo del significato che il diritto rappresenta nella vita degli uomini, dettando le regole di quello che potrebbe apparire come un gioco e che proprio attraverso tale identificazione è stato ampiamente tratteggiato... (continua)

  • La via del comprendere. Epistemologia del processo di diritto

    Editore: Giappichelli
    Pagine: 317
    Data di pubblicazione: ottobre 2015
    Prezzo: 30,00 -10% 27,00 €

    Il processo di diritto, in linea di principio, rappresenta una via collaudata per giungere ad un giudizio razionalmente giustificato. Seguendone le tappe ideali, lo studio qui proposto vuole indagare questa via del comprendere, che conduce ad una verità e ad una giustizia possibili, ancorché non assolute, né indefettibili. In un tempo di diffusa sfiducia nella ragione, il chiarimento della logica argomentativa e dialettica di cui il processo è portatore,... (continua)

  • Oggettività esistenziale dell'interpretazione. Studi su ermeneutica e diritto

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 33,00 -10% 29,70 €

    "... per quanto le leggi possano essere particolareggiate non cesseranno forse mai d'aver bisogno di interpreti": così Manzoni (La Colonna infame, II) rappresentava la vocazione ermeneutica del diritto. La filosofia contemporanea ha svelato che il comprendere è modo d'essere dell'esistenza umana. Il problema dell'interpretazione va dunque pensato in un nuovo orizzonte, a muovere dalla consapevolezza che il soggetto-interprete è ontologicamente situato nella struttura... (continua)

  • Interpretazione giuridica
    L'oggetto

    Editore: CEDAM
    Collana: Manuali di scienze giuridiche
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 28,00 -10% 25,20 €

    Il libro costituisce un ampio rifacimento e sviluppo degli 'Appunti dalle lezioni di teoria dell'interpretazione' del 1998, ed è rivolto anzitutto e soprattutto a far parlare i principali Autori che si sono dedicati movendo da premesse diversissime dai più diversi punti di vista allo studio del tema della 'interpretazione giuridica'.

    Si è cercato in tal modo di presentare un vasto panorama dei problemi, degli oggetti, degli scopi che il tema ha suscitato... (continua)

  • Le preleggi e l'interpretazione. Un'introduzione critica

    Autore: Velluzzi Vito
    Editore: Edizioni ETS
    Collana: Jura. Temi e problemi del diritto
    Pagine: 126
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 13 €

    Riflettere sugli articoli 12 e 14 delle Preleggi può apparire oggigiorno attività di retroguardia. Da più parti essi sono considerati residui del passato di dubbia utilità, inadeguati, superati dalla storia e dalle caratteristiche dello Stato costituzionale di diritto. Tuttavia si continua a discuterne, anche se con prevalente atteggiamento critico. I giudici ne fanno uso, seppur accordando differente peso e importanza all'una o all'altra disposizione, o a parti... (continua)

  • Interpretazione conforme, bilanciamento dei diritti e clausole generali

    Editore: Giuffrè
    Collana: Temi diritto privato e diritto pubblico
    Data di pubblicazione: maggio 2017
    Prezzo: 39,00 -10% 35,10 €
  • Ars interpretandi (2012)
    Ermeneutica e pluralismo

    Editore: Carocci
    Pagine: 166
    Data di pubblicazione: giugno 2012
    Prezzo: 11,00 -10% 9,90 €

    "Ars interpretandi" si rivolge a filosofi del diritto, a giuristi e, in generale, a tutti coloro, che a vario titolo, si occupano dell'arte del diritto. Di fronte ad una crescente specializzazione della filosofia giuridica, alla sua complessità e astrazione teorica, "Ars Interpretandi", attraverso contributi di studiosi italiani e stranieri, mira a riportare l'attenzione sul diritto inteso prioritariamente come esperienza giuridica e come interpretazione, nella convinzione che... (continua)

  • Interpretazione ed esperienza giuridica. Sull'interpretazione creativa nella società pluralista

    Editore: EUT
    Collana: In/Tigor
    Pagine: 216
    Data di pubblicazione: ottobre 2012
    Prezzo: 17,00 -10% 15,30 €

    "Il diritto vivente è il diritto che, non formulato in proposizioni giuridiche, regola tuttavia la vita sociale", così Eugen Ehrilich tratteggiando, nel 1913, "I fondamenti di sociologia del diritto". Ripercorrendo lo sviluppo delle prospettive antiformaliste presenti nella cultura giuridica italiana del Novecento, dall'idealismo all'ermeneutica giuridica, da certe interpretazioni della giurisprudenza costituzionale alla scuola dell'esperienza giuridica, si giunge sino alla... (continua)


→ Altri libri su Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione ←