Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

Analogia legis

Traduzione

Analogia in materia di legge

Spiegazione

I casi simili devono essere regolati da norme simili. Poiché il sistema normativo è inevitabilmente lacunoso, il giudice, per risolvere i casi non regolati da alcuna disposizione legislativa, dovrà ricercare la volontà implicita della legge, ricorrendo all'analogia di casi simili o materie analoghe. I presupposti dell'applicazione per analogia sono: il caso deve essere assolutamente non previsto, altrimenti si avrebbe interpretazione estensiva; deve esistere almeno un elemento d'identità fra il caso previsto e quello non previsto; l'identità fra i due casi deve riguardare l'elemento in vista del quale il legislatore ha formulato la regola che disciplina il caso previsto e che pertanto ne costituisce la ratio.
Non tutte le norme giuridiche permettono il procedimento analogico: l'art. 14 disp. prel. non lo consente per quelle penali ed eccezionali.
Il procedimento dell'analogia legis era già contemplato dalla giurisprudenza romana.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Analogia in materia di legge"

  • Oggettività esistenziale dell'interpretazione. Studi su ermeneutica e diritto

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 33,00 -5% 31,35 €

    "... per quanto le leggi possano essere particolareggiate non cesseranno forse mai d'aver bisogno di interpreti": così Manzoni (La Colonna infame, II) rappresentava la vocazione ermeneutica del diritto. La filosofia contemporanea ha svelato che il comprendere è modo d'essere dell'esistenza umana. Il problema dell'interpretazione va dunque pensato in un nuovo orizzonte, a muovere dalla consapevolezza che il soggetto-interprete è ontologicamente situato nella struttura... (continua)


→ Altri libri su Analogia in materia di legge ←