Art. precedente Art. successivo

Articolo 523

Codice di Procedura Penale

Svolgimento della discussione

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 523 Codice di Procedura Penale

1. Esaurita l'assunzione delle prove, il pubblico ministero e successivamente i difensori della parte civile, del responsabile civile, della persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria e dell'imputato formulano e illustrano le rispettive conclusioni, anche in ordine alle ipotesi previste dall'articolo 533, comma 3bis (1).
2. La parte civile presenta conclusioni scritte, che devono comprendere, quando sia richiesto il risarcimento dei danni, anche la determinazione del loro ammontare (2).
3. Il presidente dirige la discussionee impedisce ogni divagazione, ripetizione e interruzione.
4. Il pubblico ministero e i difensori delle parti private possono replicare; la replica è ammessa una sola volta e deve essere contenuta nei limiti strettamente necessari per la confutazione degli argomenti avversari (3).
5. In ogni caso l'imputato e il difensore devono avere, a pena di nullità, la parola per ultimi se la domandano.
6. La discussione non può essere interrotta per l'assunzione di nuove prove, se non in caso di assoluta necessità. Se questa si verifica, il giudice provvede a norma dell'articolo 507 (4).

Note

(1) Le parole «, anche in ordine alle ipotesi previste dall'articolo 533, comma 3bis» sono state inserite dall'art. 4, c. 1bis, d.l. 24-11-1999, n. 341, convertito in l. 19-1-2001, n. 4.

(2) La formulazione ed illustrazione delle conclusioni consiste nel precisare il petitum e fornire al giudice l'argomentazione che le sostiene. Il tutto si svolge oralmente, ed il verbale conterrà solo l'indicazione delle conclusioni (art. 481 1). Non può escludersi, tuttavia, che le parti redigano anche una memoria scritta, che sarà acquisita al verbale: tale forma è obbligatoria per la parte civile (comma 2). Tutto si svolge sotto la direzione del presidente, al quale la legge assegna il compito di impedire ogni divagazione, ripetizione e interruzione.

(3) Il diritto di replica trova fondamento nella necessità di confutare gli argomenti avversari, per cui, nello spirito del potere di direzione della discussione affidato al presidente, va valutato caso per caso la ricorrenza della condizione prevista dalla legge, al fine di evitare lungaggini superflue.

(4) Il richiamo all'art. 507 comprende anche la condizione di applicabilità dello stesso: il parametro che il giudice deve tener presente è quello dell'assoluta necessità [v. 507].


Ratio Legis

Viene ribadito ancora una volta l'ordine degli interventi, che vede come primo soggetto il P.M. e come ultimo il difensore dell'imputato. Ciò perché da un lato deve sottolinearsi la prevalenza dell'interesse pubblico a sostenere l'accusa, e dall'altro deve garantirsi nel modo più completo il diritto di difesa. Anche l'eventuale replica è soggetta alla medesima disciplina.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)