Art. precedente Art. successivo

Articolo 494

Codice di Procedura Penale

Dichiarazioni spontanee dell'imputato

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 494 Codice di Procedura Penale

1. Esaurita l'esposizione introduttiva, il presidente informa l'imputato che egli ha facoltà di rendere in ogni stato del dibattimento le dichiarazioni che ritiene opportune, purché esse si riferiscano all'oggetto dell'imputazione [492 2] e non intralcino l'istruzione dibattimentale. Se nel corso delle dichiarazioni l'imputato non si attiene all'oggetto dell'imputazione, il presidente lo ammonisce e, se l'imputato persiste, gli toglie la parola (1).
2. L'ausiliario [126] riproduce integralmente le dichiarazioni rese a norma del comma 1, salvo che il giudice disponga che il verbale sia redatto in forma riassuntiva [140].

Note

(1) Si ricordi che se l'imputato viene ammonito, ma persiste nel comportarsi in modo da impedire il regolare svolgimento dell'udienza, è allontanato dall'aula con ordinanza del presidente ex art. 475.


Ratio Legis

La disposizione in esame trova il proprio fondamento nell'esigenza di garantire anche in questa fase un pieno diritto di difesa all'imputato.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 494 del c.p.p.che hanno ricevuto risposta dalla redazione di Brocardi.it

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it. Trattasi di quesiti per cui è stato richiesto il servizio di risposta a pagamento o che presentano particolare interesse giuridico in ragione del quale la redazione ha ritenuto di rispondere gratuitamente.

Quesito n. 7397/2013 sabato 19 gennaio 2013

ubaldo c. chiede

si vuole conoscere se a termini di legge si possono rivolgere all'imputato delle domande durante le sue dichiarazioni spontanee ed ancora,in sede di rinvio a giudizio durante il processo,in caso di capi d'imputazione che si vanno prescrivendo,si può chiedere al presidente di sezione del tribunale ove viene svolto il processo di dissequestrare dei beni sequestrati per quei capi già prescritti

Parere legale online a cura della

redazione giuridica Brocardi.it

Risposta della redazione di Brocardi.it al quesito n. 7397/2013 [risposta a pagamento]

Il codice di rito contiene all’art. 494 del c.p.p. la disciplina delle dichiarazioni spontanee dell’imputato, prevedendo espressamente la facoltà del presidente di ammonirlo o di togliergli la parola se nel corso delle dichiarazioni l'imputato non si attiene all'oggetto dell'imputazione. Diversamente, non vi è alcun riferimento in merito alle domande che possono eventualmente essere rivolte all’imputato in tale sede.
L’unico dato legislativo che si riscontra è quello contenuto all’art. 506 del c.p.p. che dispone la facoltà conferita al presidente direttamente, quanto per suo tramite ad un componente del collegio, di chiedere chiarimenti ai testimoni, ai periti, ai consulenti tecnici, alle parti private e, in aggiunta, alle persone indicate nell'art. 210 del c.p.p.. Tale richiesta deve intervenire a conclusione dell'istruzione dibattimentale, trattandosi di un potere subalterno. Occorre cioè che le parti abbiano esaurito le loro richieste probatorie (vedi, in merito, il richiamo alle letture) e ciononostante il presidente ritenga il materiale raccolto meritevole di ulteriore approfondimento. Si precisa, pertanto, che al giudice viene attribuito il potere di intervenire, anche d’ufficio, per assicurare la pertinenza delle domande, la genuinità delle risposte, la lealtà dell’esame e la correttezza delle contestazioni.
Ciò posto, si riscontra nella prassi che il giudice (presidente o altro componente del collegio) è solito rivolgere all’imputato, in sede di dichiarazioni spontanee, domande al fine di ottenere chiarimenti in merito alle dichiarazioni rilasciate.
In merito alla seconda parte del quesito si indica che, nel caso in cui un bene sia stato sequestrato, è possibile richiedere alla Procura competente la revoca del sequestro, depositando un’istanza motivata e supportata da adeguata documentazione che attesti la mancanza delle esigenze di mantenimento del vincolo. Idonee motivazioni sono ad esempio la non pertinenza e non conferenza del provvedimento ai fini della prova, oppure l’appartenenza ad un soggetto diverso dal responsabile del reato, oppure ancora la mancanza del pericolo di reiterazione del reato. La revoca del sequestro trova la sua disciplina al terzo comma dell’art. 321 del c.p.p., in base al quale il sequestro è immediatamente revocato a richiesta del pubblico ministero o dell'interessato quando risultano mancanti, anche per fatti sopravvenuti, le condizioni di applicabilità previste dal comma 1, ovvero se sussiste pericolo che la libera disponibilità di una cosa pertinente al reato possa aggravare o protrarre le conseguenze di esso, ovvero agevolare la commissione di altri reati.

Tag: dichiarazioni spontanee dell'imputato, poteri del presidente in ordine all'esame dei testimoni e parti

Testi per approfondire questo articolo

Eccezioni e questioni preliminari nel processo penale

Editore: Giuffrè
Data di pubblicazione: febbraio 2012
Prezzo: 55,00 -10% 49,50 €

L'opera contiene un catalogo completo delle eccezioni e delle altre questioni procedurali che possono essere proposte nella fase degli atti preliminari al dibattimento. In particolare, vengono analiticamente trattate le eccezioni di inammissibilità, nullità e inutilizzabilità di atti. Per ciascun istituto preso in considerazione, sono state richiamate le norme che lo regolano e illustrate le modalità di formulazione delle relative questioni o eccezioni, con il... (continua)

Attività preparatorie del contraddittorio dibattimentale

Editore: Giappichelli
Collana: Procedura penale. Studi
Data di pubblicazione: aprile 2010
Prezzo: 37,00 -10% 33,30 €

Il presente studio osserva un problema cruciale del processo penale: come preparare un dibattimento in contraddittorio che si ispiri all'idea del giusto processo. Dunque, non la fase degli atti preliminari al dibattimento in senso descrittivo o organizzativo, bensì come punta di iceberg di una più ampia attività preparatoria svolta anche in altre fasi. Spesso vengono trascurati alcuni aspetti essenziali della realtà processuale, riconosciuti invece dall'art. 111... (continua)

Il proscioglimento predibattimentale

Autore: Iai Ivano
Editore: Giuffrè
Collana: Studi di diritto processuale penale
Data di pubblicazione: ottobre 2009
Prezzo: 16,00 -10% 14,40 €

Origini dell'istituto - La fase degli atti preliminari al dibattimento nel giudizio di primo grado - Il proscioglimento nella fase degli atti preliminari al dibattimento di primo grado - Il proscioglimento predibattimentale e le impugnazioni (L'impugnazione della sentenza predibattimentale - La problematica del proscioglimento nel predibattimento d'appello, di cassazione e di rinvio) - Conclusione - Appendice bibliografica.

(continua)
Difesa e dibattimento penale. Suggerimenti argomentativi

Editore: Giuffrè
Collana: Il processo penale accusatorio
Data di pubblicazione: dicembre 2008
Prezzo: 17,00 -10% 15,30 €

E' possibile dire che la verità che emerge dal processo è la tesi del P.M., non falsificata dalla critica opposta dalla difesa? Oppure la verità affermata in sentenza è la trasposizione della tesi difensiva avverso la quale la prospettazione accusatoria nulla ha potuto? O quanto contenuto nella sentenza corrisponde a quanto storicamente accaduto?
In questa opera gli autori cercano di fornire alcuni spunti di riflessione sul ruolo che il difensore ha in... (continua)