Art. precedente Art. successivo

Articolo 47

Codice Civile

Elezione di domicilio

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 47 Codice Civile


Si può eleggere domicilio speciale per determinati atti o affari (1).
Questa elezione deve farsi espressamente per iscritto (2).

Note

(1) Il domicilio speciale si riferisce solo a determinati atti o affari (tipicamente, per gli atti relativi ad una causa legale viene scelto come domicilio l'ufficio dell'avvocato mandatario); non riguarda tutti gli affari od interessi di un soggetto (nel caso si ricade nell'ipotesi di cui all'art. 43).

(2) Come nell'esempio appena citato di cui alla nota 1, l'elezione di domicilio andrà fatta necessariamente per iscritto (di regola è contenuta nel mandato al difensore domiciliatario, e nella prassi viene apposta in epigrafe del primo atto giudiziale depositato), e deve pertanto essere espressa.


Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 25647/2008

Atteso il carattere formale dell'atto di elezione di domicilio — che sostituisce tutti gli altri parametri di individuazione spaziale della persona — deve escludersi che il medesimo possa compiersi per facta concludentia. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva dichiarato inesistente la notifica di un atto di impugnazione eseguita a mani di un avvocato che, pur avendo svolto attività di consulenza tecnica nel giudizio di primo grado, non risultava aver assunto successivamente, con alcun atto formale, la qualità di difensore domiciliatario della parte in causa).

Cass. n. 13561/2005

Ai sensi dell'art. 47 c.c., il domicilio eletto non può in nessun caso essere dilatato oltre i limiti che ad esso assegna la legge, né quanto ai termini di riferibilità a un determinato atto o affare per cui avviene l'elezione, né quanto alla sua durata temporale. Sotto entrambi i profili, ciò che rileva è lo scopo per il quale vi fu l'elezione, la cui durata è, infatti, diversa dalla durata del domicilio vero e proprio; quest'ultima si riferisce al permanere della situazione di fatto, mentre la prima si riferisce al permanere degli effetti giuridici voluti con la elezione e, quindi, della specifica volontà di chi la effettua. (Alla stregua del cennato principio, la S.C. ha, in tema di opposizione a sanzione amministrativa, ritenuto, cassando la contraria decisione del giudice di merito, che il domicilio eletto da una ditta con sede in Slovenia presso lo studio di un avvocato residente nello Stato italiano in una istanza volta a ottenere la restituzione di un veicolo sottoposto a fermo amministrativo a seguito di contestazione della contravvenzione prevista e punita dall'art. 46 della legge 6 giugno 1974 n. 298 non poteva valere per la successiva notifica dell'ordinanza-ingiunzione, né per l'applicazione del termine previsto dall'art. 22 legge n. 689 del 1981 per l'opposizione da parte di residenti nello Stato italiano).

Cass. n. 13897/2003

L'art. 141 c.p.c., che detta disposizioni in tema di notificazioni presso il domiciliatario, va coordinato con l'art. 47 c.c., per il quale il domicilio eletto rappresenta una deroga al domicilio legale circoscritta a determinati e specifici affari, e dal collegamento fra le due norme discende che la corretta esecuzione della notificazione presso il domiciliatario presuppone che l'atto oggetto della notifica sia catalogabile fra quelli considerati con l'elezione di domicilio. Ne consegue che, nel caso di notificazione dell'impugnazione del lodo arbitrale per nullità, detto rapporto dell'atto con il domicilio eletto potrebbe essere individuato solo se l'elezione fosse contenuta nel compromesso o nella clausola compromissoria, essendo evidente in tal caso la riconducibilità della detta impugnazione al rapporto per il quale si era convenuto il ricorso ad arbitri; diversamente, invece, deve ritenersi quando l'elezione di domicilio sia intervenuta con il conferimento dell'incarico difensivo per il procedimento arbitrale, poichè la successiva impugnazione è finalizzata alla verifica sulla validità dell'atto conclusivo del compito affidato agli arbitri e determina, quindi, l'insorgere di un procedimento intrinsecamente e funzionalmente differenziato dal primo, nel cui ambito la ricezione dell'atto introduttivo non può essere interpretata come un adempimento incluso nell'originario mandato difensivo. Tuttavia la notificazione erroneamente eseguita presso il difensore officiato per il procedimento arbitrale è nulla, non inesistente (essendovi comunque un collegamento tra la parte e il predetto difensore, tenuto anche conto della contiguità fra il procedimento arbitrale e il giudizio di impugnazione del lodo, oltre che della riconducibilità di entrambi ad un unico affare sostanziale), e dunque sanabile mediante la costituzione del convenuto.

Cass. n. 1162/1998

Qualora con un unico atto sia conferita procura ad litem ed eletto domicilio presso il procuratore nominato, essendo la procura e l'elezione di domicilio atti ontologicamente differenti, l'eventuale nullità della prima, da qualunque causa dipendente, non si comunica alla seconda che rimane pertanto valida.

Cass. n. 11037/1997

L'atto di elezione di domicilio speciale, che ha, come funzione, la sostituzione, per l'affare in questione, di tutti gli altri parametri di individuazione spaziale della persona (residenza, dimora, domicilio generale) con il luogo specificamente indicato, e, come conseguenza, il dipanarsi degli effetti di cui all'art. 141 c.p.c., deve connotarsi secondo caratteri di incontroversa univocità, onde desumerne la chiara volontà della parte di riferirsi al luogo prescelto come destinazione non fungibile di tutti gli atti del processo che la riguardino. Non riveste, pertanto, tale carattere quella dichiarazione che si limiti, nel corso delle trattative extraprocessuali per il componimento di una vertenza insorta tra le parti, al semplice invito, rivolto alla controparte, a rivolgersi al proprio legale (con contestuale indicazione dell'indirizzo del medesimo), onde trasferire il livello delle trattative dal piano dei rapporti personali a quello, formale, che presupponga l'assistenza di un avvocato.

Cass. n. 6947/1995

Quando non sia espressamente conferita per tutti i gradi del giudizio, l'elezione di domicilio contenuta nella procura spiega i suoi effetti solo per il grado di giudizio per il quale è stata conferita ed, ai fini della notificazione della sentenza, non oltre l'anno dalla pronuncia di questa (salvo il periodo di sospensione). Pertanto, la notificazione del ricorso per cassazione alla parte rimasta contumace in secondo grado, se effettuata presso il procuratore domiciliatario della medesima in primo grado, essendo eseguita in luogo diverso da quello prescritto dall'art. 330 comma terzo c.p.c. ma non privo di un qualche riferimento con il destinatario della notifica, deve considerarsi nulla, e non inesistente, e, conseguentemente, sanabile mediante rinnovazione.

Cass. n. 6280/1995

L'elezione di domicilio (artt. 47 c.c. e 141 c.p.c.) è un atto giuridico unilaterale che spiega efficacia indipendentemente dal consenso o accettazione del domiciliatario. Ne consegue che, fino a quando non intervenga la revoca dell'elezione, la facoltà del soggetto, nei cui confronti si è eletto domicilio, di notificare validamente gli atti al domiciliatario è indipendente dalla concreta esistenza dell'accordo, che costituisce soltanto un rapporto interno tra eleggente e domiciliatario.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Commentario del Codice civile. Delle persone. Artt. 11-73

Data di pubblicazione: maggio 2014
Prezzo: 100,00 -10% 90,00 €

Il modulo “Delle persone” è un autorevole commento articolo per articolo alla disciplina normativa codicistica e alla principale normativa speciale collegata.

L’Opera, coordinata dal Prof. Barba e dal Prof. Pagliantini e divisa in 3 volumi (Primo volume: 1-10 - Secondo volume: 11-73 – Terzo volume: Leggi speciali), è commentata da accademici e professionisti di altissimo livello e offre un autorevole e utile supporto per la pratica quotidiana... (continua)

La giurisprudenza sul codice civile. Coordinata con la dottrina. Libro I: Delle persone e della famiglia. Artt. 79-230-bis

Editore: Giuffrè
Data di pubblicazione: dicembre 2012
Prezzo: 220,00 -10% 198,00 €

La nuova edizione della "Giurisprudenza sul Codice civile coordinata con la dottrina", autorevolmente diretta da Cesare Ruperto presenta una trattazione completa e sistematica dell'evoluzione giurisprudenziale relativa alla disciplina codicistica, riletta alla luce degli orientamenti della dottrina e delle incessanti innovazioni legislative intervenute. Il coordinamento della trattazione giurisprudenziale e dottrinale del codice civile con quella delle norme complementari, operato sia... (continua)

Corso di diritto civile
Persona, famiglia e successioni

Pagine: 153
Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 20,00 -10% 18,00 €

Il corso di diritto civile è uno strumento, Insieme di approfondimento e di aggiornamento, che intende percorrere l'intero programma di questa materia affascinante facendo il punto sulle questioni giurisprudenziali e dottrinali più attuali e rilevanti. In altre parole un vero e proprio corso in sei fascicoli, che completa e aggiorna i manuali istituzionali, offrendo al lettore la marcia in più in vista delle prove d'esame. L'attento aggiornamento giurisprudenziale ne... (continua)

Identità sessuale e identità di genere. Atti del Convegno nazionale dell'U.G.C.I. (Palermo, 9-11 dicembre 2010)

Editore: Giuffrè
Collana: Quaderni di Iustitia. Nuova serie
Data di pubblicazione: dicembre 2012
Prezzo: 20,00 -10% 18,00 €
Il diritto della personalità. Strategie di tutela. Inibitorie, risarcimento danni. Internet

Editore: CEDAM
Pagine: 1470
Data di pubblicazione: luglio 2013
Prezzo: 100,00 -10% 90,00 €

Un’opera che si compone di ventisei capitoli suddivisi in quattro parti (La persona fisica - Persona e mercato - Diritti della personalità e persone giuridiche - Gli strumenti di tutela) e che ripercorre l'evoluzione giurisprudenziale, e normativa, in materia di tutela dei diritti della persona avuto riguardo anche all'influenza del diritto comunitario.

Gli interventi settoriali del legislatore rendono in questo ambito sempre più arduo il lavoro dell'operatore... (continua)

Le persone fisiche

Editore: Giappichelli
Pagine: 176
Data di pubblicazione: marzo 2012
Prezzo: 16,00 -10% 14,40 €

Sommario

I. La capacità giuridica. – II. La capacità di agire. – III. L’amministrazione di sostegno. – IV. I diritti sul corpo. – V. Gli attributi immateriali della personalità (spunti).

(continua)
La circolazione dei diritti della persona

Editore: Giappichelli
Collana: Univ.Europea Roma-Sez. economia. Saggi
Pagine: 224
Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

Sommario

Introduzione. – I. La persona ed il mercato: una possibile coesistenza. – II. Persona e Mercato. Una prospettiva comparatistica. – III. Nuovi Beni. Il contenuto patrimoniale dei diritti della personalità.

(continua)
Liber amicorum per Dieter Henrich. Tomo I: Parte generale e persone

Editore: Giappichelli
Collana: Studi di diritto privato
Pagine: 260
Data di pubblicazione: marzo 2012
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

Sommario

I. Parte Generale. – L’evoluzione del sistema privatistico italiano e l’influsso tedesco: spunti per una riflessione generale (G. Cian). – Verso principi generali uniformi degli atti della persona (e della famiglia) (M.G. Cubeddu). – Morte e trasfigurazione dell’analogia (N. Lipari). – Tra ordinamento e sistema (P. Rescigno). – II. Diritto delle persone. – Note critiche sull’interpretazione... (continua)

La valutazione delle capacità di agire

Editore: CEDAM
Collana: Collana di medicina legale e sc. affini
Pagine: 308
Data di pubblicazione: aprile 2011
Prezzo: 30,00 -10% 27,00 €

Il volume, che si sviluppa in circa 300 pagine, fa parte della collana “Medicina legale e scienze affini” diretta da Giusto Giusti, medico legale, già ordinario all’Università Tor Vergata di Roma e consulente tecnico in moltissimi ed importanti processi.

Il titolo di questo volume intende alludere alla intrinseca pluralità del concetto di capacità di agire, così come si è venuto delineando nell’ordinamento giuridico... (continua)

Commentario del Codice civile. Delle persone

Pagine: 784
Data di pubblicazione: settembre 2013
Prezzo: 100,00 -10% 90,00 €

Il modulo “Delle Persone” è un autorevole commento articolo per articolo della disciplina normativa codicistica in tema di persone e di fonti del diritto.

L’Opera, coordinata dai Proff.i Barba e Pagliantini e divisa in 3 volumi (Primo volume: Artt. 1-16 preleggi e Artt. 1-10 c.c. – Secondo volume: artt. 11-73 – Terzo volume: le leggi collegate), è commentata da accademici e professionisti di altissimo livello e si rivela essere un mezzo... (continua)