Cassazione civile Sez. I sentenza n. 3362 del 28 luglio 1977

(1 massima)

(massima n. 1)

La mancanza di data, nella girata di titolo nominativo (nella specie, azione), non comporta la nullitÓ della girata medesima, in difetto di un'espressa comminatoria di legge, trattandosi di requisito non essenziale al perfezionamento ed all'efficacia dell'atto. Diversamente da quanto accade in tema di circolazione dei titoli all'ordine, la girata del titolo nominativo (nella specie, certificato azionario) a mezzo di un soggetto (nella specie, agente di cambio) che dichiari nel documento di agire in nome del legittimo portatore, ma senza che dal documento medesimo risulti il conferimento del potere rappresentativo, interrompe la serie continua delle girate, richiesta dalla disciplina che regola la circolazione del titolo, con la conseguenza che chi successivamente ne acquisti il possesso; ancorchÚ in buona fede, non pu˛ invocare la tutela prevista dall'art. 1994 c.c., la quale postula il rispetto di quella disciplina, e rimane soggetto all'azione di rivendicazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.