Cassazione civile Sez. III sentenza n. 8729 del 15 aprile 2011

(2 massime)

(massima n. 1)

L'intimazione di licenza per finita locazione, anche se sia processualmente inidonea allo scopo (nella specie, a causa dell'indicazione di una data di scadenza del contratto erronea ed anticipata rispetto a quella effettiva), costituisce pur sempre sul piano sostanziale una valida manifestazione delle volontÓ del locatore di recedere dal contratto; essa, perci˛, produce gli effetti della disdetta, a partire dalla successiva scadenza contrattuale.

(massima n. 2)

La volontÓ di prorogare tacitamente il contratto di locazione pervenuto a scadenza pu˛ essere manifestata anche tacitamente, ma deve essere inequivoca. Non pu˛, pertanto, ravvisarsi come nella specie una tacita volontÓ di prorogare il contratto nella condotta del locatore che, dopo avere intimato licenza per finita locazione, ometta di iscrivere a ruolo l'atto di intimazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.