Cassazione civile Sez. II ordinanza n. 19436 del 8 luglio 2021

(1 massima)

(massima n. 1)

L'amministratore del condominio, che sia stato revocato dall'autoritÓ giudiziaria, Ŕ tenuto, ai sensi dell'art. 1713 c.c., a rendere il conto della sua gestione e a rimettere ai condomini tutto ci˛ che ha in cassa, indipendentemente dall'esercizio cui le somme si riferiscono, ancorchÚ non operi, in tal caso, alcuna "perpetuatio" o "prorogatio" di poteri in capo ad esso, non essendo ravvisabile una presunta volontÓ conforme dei condomini in tal senso ed essendo anzi la revoca espressione di una volontÓ contraria alla conservazione dei poteri di gestione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.