Cassazione civile Sez. II ordinanza n. 21505 del 20 agosto 2019

(1 massima)

(massima n. 1)

L'art. 1147 c.c., in base al quale la buona fede Ŕ presunta ed Ŕ sufficiente sussista al tempo dell'acquisto, detta un principio di carattere generale, applicabile anche al possessore dei beni ereditari; ne consegue che chi agisce per rivendicare i beni ereditari - eventualmente previo annullamento del testamento che ha chiamato all'ereditÓ il possessore di buona fede - pu˛ pretendere soltanto i frutti indebitamente percepiti nei limiti fissati dall'art. 1148 c.c..

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.