Cassazione civile Sez. II ordinanza n. 33258 del 11 novembre 2022

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di diritti riservati ai legittimari, un comportamento del beneficiario del legato sostitutivo di legittima dal quale sia dato desumere la volontÓ, espressa o tacita, dello stesso di conservare il legato, assume, per un verso, valenza confermativa, seppure superflua, della giÓ realizzata acquisizione patrimoniale, e, per altro verso, comporta ope legis la contemporanea caducazione del diritto di chiedere la legittima, conseguenza alla quale non pu˛ essere posto rimedio neppure con eventuali atti successivi di resipiscenza, attese la definitivitÓ e la irretrattabilitÓ degli effetti acquisitivi del lascito testamentario correlati a detta manifestazione di volontÓ e la consequenziale impossibilitÓ di reviviscenza del diritto di scelta tra il legato sostitutivo e la richiesta della legittima, rimasto caducato al momento stesso in cui Ŕ stata manifestata la volontÓ di conservare il legato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.