Cassazione penale Sez. I sentenza n. 40801 del 19 maggio 2021

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di misure di sicurezza, il magistrato di sorveglianza, nel disporre la libertÓ vigilata, Ŕ tenuto ad accertare la persistenza della pericolositÓ sociale del condannato riferita al momento di applicazione della misura, che pu˛ essere revocata in via anticipata solo se tale pericolositÓ sia cessata per fatti sopravvenuti e concludenti, non consentendo il mero dubbio al riguardo il superamento della prognosi formulata con l'accertamento passato in giudicato. (Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto immune da censure il provvedimento di rigetto della richiesta di revoca anticipata della libertÓ vigilata proposta a distanza di sei mesi dall'avvio dell'esecuzione e fondata su elementi non significativi quali l'assenza di rilievi durante l'esecuzione della pena e della misura e la assenza di sintomi esteriori di un attuale collegamento del condannato con la criminalitÓ organizzata).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.