Cassazione civile Sez. II sentenza n. 2014 del 14 ottobre 1970

(1 massima)

(massima n. 1)

La disposizione dell'art. 485 c.c., che considera erede puro e semplice il chiamato all'ereditÓ il quale, essendo in possesso, a qualsiasi titolo, di beni ereditari, non faccia l'inventario entro i termini nella norma stessa previsti, non riguarda il donatario, chiamato per legge, che abbia ricevuto beni dal de cuius quando questi era in vita, con atto di liberalitÓ. In tale caso, vi Ŕ un titolo (la donazione) che giustifica il trasferimento del bene, che, quindi, non entra a far parte dell'asse ereditario, salvo che non sia vittoriosamente esperita l'azione di riduzione o, nelle ipotesi di collazione, il donatario non scelga di conferire il bene stesso in natura. Pu˛ dunque parlarsi di possesso, da parte del legittimario, di beni ereditari, solo in quanto il medesimo non possa vantare alcun titolo di trasferimento sui beni stessi, il legittimario perci˛ non pu˛ essere considerato erede, ex art. 485 c.c., solo perchÚ in possesso di beni giÓ di proprietÓ del de cuius, da questi donatigli quando era in vita.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.