Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 7824 del 23 marzo 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

L'omessa indicazione nel verbale di dibattimento delle generalitą del teste comporta la nullitą della deposizione, a norma dell'art. 497, comma terzo, cod. proc. pen. il quale stabilisce che č prescritta a pena di nullitą l'osservanza delle disposizioni del comma secondo, ivi compreso l'invito al teste a fornire le proprie generalitą. Poiché la prova del compimento delle formalitą richieste dall'art. 497 cod. proc. pen. č data dal verbale di udienza, nel silenzio di quest'ultimo, si puņ legittimamente ritenere che siano stati omessi gli adempimenti previsti.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.