Cassazione civile Sez. II sentenza n. 5632 del 19 giugno 1996

(1 massima)

(massima n. 1)

Le contestazioni circa la eventuale ineseguibilitā del progetto o la necessitā di variazioni, ai fini dell'esonero dell'appaltatore dalle responsabilitā che la legge espressamente gli attribuisce, devono essere tempestivamente comunicate da questi direttamente al committente, e non al direttore dei lavori, atteso che costui, quale ausiliare del committente, ne assume la rappresentanza limitatamente alle sole materie strettamente tecniche.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.