Cassazione civile Sez. III sentenza n. 1941 del 30 maggio 1969

(1 massima)

(massima n. 1)

L'art. 1648 c.c. regola le sole modalitā di pagamento del canone, attribuendo in proposito al giudice una facoltā discrezionale, ma non prevede alcuna deroga alla scadenza del pagamento e non influisce, quindi sulla sussistenza dell'inadempimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.