Cassazione civile Sez. I sentenza n. 15086 del 5 agosto 2004

(1 massima)

(massima n. 1)

La costituzione in giudizio della parte e la relativa regolaritÓ si presume quando essa risulti dal tenore del verbale, atto assistito da fede pubblica ai sensi e nei limiti dell'art. 2700 c.p.c.. In tal caso - nella ipotesi di appello incidentale ritualmente proposto nella prima udienza ai sensi dell'art. 343 c.p.c., primo comma, nel testo anteriore alla modifica di cui all'art. 51 della legge n. 353 del 1990 - la carenza al momento della decisione, nel fascicolo d'ufficio, dell'appello incidentale e degli altri scritti difensivi che, ai sensi dell'art. 168 c.p.c., secondo comma, il Cancelliere deve inserirvi, non pu˛ costituire motivo per riversare sulla parte le conseguenze di un evento processuale che pu˛ derivare anche da cause indipendenti dal suo potere di controllo e non consente, quindi, al giudice di merito di dichiarare la contumacia della parte stessa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.