Cassazione civile Sez. V sentenza n. 25197 del 30 novembre 2009

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di I.V.A., Ŕ nullo l'avviso di accertamento fondato su due distinti ed inconciliabili motivi d'imposizione, in quanto, rispondendo la motivazione alla duplice esigenza di rispettare i principi d'informazione e collaborazione, giÓ fissati dall'art. 3 della legge 7 agosto 1990, n. 241 e, specificamente in materia fiscale, dall'art. 10 della legge 27 luglio 2000, n. 212, e di garantire il pieno esercizio del diritto di difesa, non Ŕ legittimo l'intento dell'Amministrazione di formulare una motivazione contraddittoria con funzione "di riserva", sia perchÚ la pretesa impositiva per essere conforme a legge pu˛ basarsi su elementi concorrenti, ma non su presupposti fattuali contrastanti, sia perchÚ l'alternativitÓ delle ragioni giustificatrici della pretesa, lasciando l'Amministrazione arbitra di scegliere, nel corso della procedura contenziosa, quella che pi¨ le convenga secondo le circostanze, espone la controparte ad un esercizio difensivo difficile o talora impossibile. (rigetta, Comm. Trib. Reg. Milano, 08/11/2004)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.