Cassazione civile Sez. V ordinanza n. 2877 del 31 gennaio 2019

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di IRPEG, ai sensi dell'art. 61, comma 5, del D.P.R. n. 917 del 1986, nella formulazione applicabile "ratione temporis", che consente la deduzione delle rinunce ai crediti nei confronti della societÓ partecipata, effettuate a copertura di perdite di quest'ultima, per la parte che eccede il suo patrimonio netto risultante dopo la copertura, non possono essere portati in deduzione dalla societÓ partecipante i valori non fiscalmente deducibili della partecipata, atteso che un costo fiscalmente indeducibile a carico della societÓ partecipata (e perci˛ recuperato a tassazione) non pu˛ divenire deducibile per la societÓ partecipante, con conseguente mancata applicazione (di fatto) della normativa fiscale, solo in virt¨ dell'avvenuta integrale copertura, da parte sua, della perdita della partecipata.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.