Cassazione civile Sez. I sentenza n. 4470 del 19 ottobre 1977

(1 massima)

(massima n. 1)

La contumacia di una delle parti in causa rappresenta l'esercizio di un suo potere processuale, garantito e disciplinato da precise disposizioni del c.p.c. (artt. 290 e 294), e non pu˛ essere trasformata in elemento di prova circa la fondatezza delle tesi della controparte; essa, come il silenzio nella dogmatica dei rapporti giuridici sostanziali, non equivale ad alcuna manifestazione di volontÓ e lascia inalterata la naturale contrapposizione delle situazioni giuridiche tra attore e convenuto. Conseguentemente, nessun significato di rinunzia all'assegno di divorzio pu˛ desumersi dalla contumacia del coniuge convenuto nel giudizio proposto per lo scioglimento del vincolo matrimoniale.

Articoli correlati

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.